Calciomercato Milan: vendere Pato per acquistare Tevez

Pubblicato il 11 Gennaio 2012 10:52 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2012 10:52

Alexandre Pato (LaPresse)

Dopo tanti giorni di incertezza finalmente una schiarita nella trattativa tra il Milan ed il Manchester City per Carlos Tevez: Adriano Galliani, responsabile del calciomercato rossonero, avrebbe deciso di vendere Alexandre Pato al PSG, nonostante tutte le smentite del caso,  per ottenere i soldi necessari per acquistare l’attaccante della Nazionale Argentina.

Massimiliano Allegri assicura che ”se qualche problema con Alexandre Pato c’e’ stato, e’ tutto chiarito”, e che l’attaccante deve restare al Milan. Eppure la situazione del brasiliano resta l’unico aspetto opaco nella striscia positiva dei rossoneri, che si avvicinano al derby di domenica prossima in testa alla classifica e con il morale alto, al netto del nervosismo per l’affare Tevez.

Non e’ passata inosservata la freddezza con cui Pato e Allegri si sono incrociati nell’ultima partita di campionato a Bergamo quando il brasiliano e’ rientrato in panchina, sostituito con Robinho a meta’ della ripresa. Non una stretta di mano, nemmeno uno sguardo.

Puo’ capitare, non e’ facile trovare un calciatore felice di uscire a partita in corso. Ma sommando questi dettagli al recente sfogo di Pato, non e’ azzardato parlare di un rapporto niente affatto pacifico.     Galliani, da buon giocatore di poker ha continuato a bleffare ma il problema Pato esiste e Rino Gattuso, uno dei senatori della squadra, non lo ha nascosto:   ”Non bisogna sottovalutare che ha 22 anni, da un mese si parla ogni giorno di lui e a livello mentale non e’ facile . Tutti si aspettano grandi cose da Pato, in questo momento penso non sia tranquillo perche’ vuole mostrare il suo valore. Ma contro l’Atalanta ha fatto due giocate da campione, prima si e’ inventato il rigore con la sua velocita’ e poi ha tirato una frustata di testa che quasi buttava giu’ il palo”.

Resta il fatto che la dinamicita’ e la propensione al pressing di Robinho sembrano piu’ determinanti nell’economia del Milan. E infatti Allegri potrebbe cambiare il partner di Ibrahimovic nel derby. Sara’ una partita delicata, perche’ potrebbe permettere all’Inter di tornare in corsa per le prime posizioni se non per lo scudetto. ”Ranieri e’ un vecchio marpione, bisogna stare molto attenti a lui e all’Inter”, ha sorriso Gattuso.

”Spero che non accada, ma credo che l’Inter ci sara’ fino alla fine”, ha pronosticato Allegri, prima di abbracciare il collega interista Ranieri nell’incontro con gli arbitri a Roma (”Con questa foto ci giocherete tutta la settimana”). In attesa del derby, l’allenatore rossonero e’ soddisfatto perche’ alla ripresa dopo la sosta la sua squadra ha ”cominciato nel migliore dei modi, com’era d’obbligo”.

Meno contento e’ il livornese per la gestione del suo rinnovo, ma non ne parla apertamente. Lo ha fatto Gattuso, anche lui in scadenza. ”Galliani vuole gestire i rinnovi come l’anno scorso, ma visto il rapporto che abbiamo con la societa’ non e’ un problema”, ha commentato il centrocampista, che dopo qualche giorno a letto con la febbre non vuole perdere l’appuntamento con il derby.

Anche perche’ i problemi alla vista sono archiviati, tanto che ci ride sopra, lui che l’estate scorsa  poteva finire all’Anzhi Makhachkala, in Russia, per raggiungere l’ex avversario nerazzurro Eto’o. ”Pensate – ha detto – se mi capitava la paralisi del sesto nervo cranico in Daghestan…”.