Calciomercato Napoli, Icardi: lite furibonda con la Juventus

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 22 Agosto 2019 16:37 | Ultimo aggiornamento: 22 Agosto 2019 16:37
Calciomercato Napoli Icardi lite Juventus

Icardi esulta dopo un gol segnato con la maglia dell’Inter, è l’obiettivo di calciomercato sia del Napoli che della Juventus (foto Ansa)

NAPOLI – Dopo l’affare Higuain, passato dal Napoli alla Juventus, e la lotta scudetto degli ultimi anni, sempre vinta dai bianconeri, è guerra furibonda tra la società campana e quella piemontese per arrivare al cartellino di Mauro Icardi. Non va neanche esclusa la possibilità che Icardi decida di restare a Milano salvo poi tornare sul calciomercato a gennaio durante il mercato di riparazione. 

Si tratta di una situazione piuttosto assurda che infatti non ha trovato una conclusione nemmeno a poche ore dall’inizio del campionato. Icardi ha dato la sua parola alla Juventus lo scorso marzo ma nel frattempo i bianconeri non sono riusciti ad arrivare ad un’intesa con l’Inter e forse non ci arriveranno mai perché i rapporti tra i due club sono pessimi ed il presidente nerazzurro Zhang ha dichiarato che: “Non cederemo mai Icardi alla Juventus”. Insomma Icardi vuole la Juventus ma l’Inter, pur di non darglielo, è disposto a continuare a pagarlo tenendolo fuori rosa. 

In tutto questo c’è il Napoli. La società campana ha raggiunto un accordo con l’Inter, che ha accettato l’offerta partenopea, sulla base dei 65 milioni di euro per il cartellino dell’argentino. I campani sono furiosi con la Juventus per la sua continua azione di disturbo che non permette la chiusura dell’affare. Secondo i campani, i bianconeri sanno benissimo di non poter convincere l’Inter ma continuano a fare pressione psicologica sul ragazzo per farlo rimanere a Milano e per non fargli accettare l’offerta di una diretta concorrente per lo scudetto. 

E’ vero che Icardi ha dato la sua parola a Paratici da marzo ma è altrettanto vero che l’argentino deve decidere bene cosa fare. E’ già fermo da un anno, ha perso la maglia della Nazionale Argentina e non è stato convocato per la Coppa America, un altro lungo periodo lontano dal campo potrebbe pregiudicare definitivamente la sua carriera e svalutare ancora di più il prezzo del suo cartellino che è già sceso drasticamente.