Calciomercato Napoli, Insigne non si pone limiti: “Resto per vincere”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Luglio 2014 18:50 | Ultimo aggiornamento: 24 Luglio 2014 18:50
https://www.blitzquotidiano.it/sport/napoli-sport/calciomercato-napoli-de-laurentiis-insigne-1651217/

Lorenzo Insigne resta al Napoli (LaPresse)

DIMARO (TRENTO)  – Messi alle spalle in fretta i rovesci del Mondiale, che pure aveva affrontato con tanto entusiasmo, Lorenzo Insigne è già concentratissimo sulla stagione che sta per cominciare.

Il genietto di Frattamaggiore sente il peso della maglia azzurra che porta sulle spalle ed appare anche sfrontato nel riassumere gli auspici e le speranze che si porta dentro. ”Voglio vincere – dice senza mezzi termini – con la squadra del mio cuore. L’obiettivo è fare bene in Champions e lottare per lo scudetto”.

Insigne non è mai entrato nella girandola del mercato, anche se, è cosa nota, al Napoli richieste per il fantasista ne sono arrivate, eccome. L’Arsenal, ad esempio, avrebbe fatto carte false per portarlo a Londra. Ma Insigne non si scompone.

”Sono lusingato da eventuali richieste di club importanti – dice – ma sto bene qua. Amo questa maglia e voglio vincere con il Napoli e spero di riuscirci sin dall’anno prossimo”.

Il Napoli, fino ad ora, ha ingaggiato due sole pedine ed esiste il dubbio se, rispetto alla passata stagione, si sia rinforzato, o meno. ”Al momento – dice Insigne – non si può dire perché c’è ancora tempo prima di iniziare la stagione. L’anno scorso siamo arrivati dietro a Roma e Juve, ma sappiamo di poter dare di più della stagione passata. Non penseremo alle avversarie ma solo a noi, lavoreremo per crescere e competere nella lotta al vertice”.

Insigne si dice d’accordo con De Laurentiis sul fatto che la stagione che sta per cominciare potrebbe essere vincente: ”dobbiamo continuare a lavorare sulla strada indicata dal mister e creare una mentalità vincente per puntare allo scudetto. Partiremo con una maggiore consapevolezza della nostra forza”. A Dimaro, Insigne che si è presentato con qualche giorno di anticipo, tagliandosi spontaneamente le ferie, ha conosciuto i ‘nuovi’.

”Se Koulibaly e Michu – osserva – sono stati presi vuol dire che alzeranno il livello del gruppo e renderanno il Napoli ancora più forte. Riguardo a Vargas, è un grande giocatore, lo ha dimostrato anche ai Mondiali. Se la Società decidesse di tenerlo, Edu potrebbe darci una grossa mano. E non fa niente se si crea concorrenza in attacco. La concorrenza aiuta a crescere e stimolare la rosa”. L’ultima partita del Napoli, la finale di Coppa Italia lo vide protagonista indiscusso, ma i ricordi di quella serata sono contrastanti. ”Sotto l’aspetto del campo – dice – sono stato felice di aver segnato quella doppietta e di aver vinto da napoletano la Coppa. Poi però quando ho saputo del dramma di Ciro Esposito sono stato molto male. Sono cose che nel calcio non dovrebbero mai capitare. I tifosi dovrebbero solo amare la propria squadra, non farsi la guerra”.

Insigne parla anche della sue esperienza in Nazionale: ”Ho fatto un Mondiale a 23 anni, non è andato benissimo ma è stata comunque una esperienza importante. C’è rammarico per come è andata ma resta una bellissima pagina per me. Quando si vince o si perde è tutta la squadra coinvolta. Per ciò che riguarda il calcio italiano penso anzi che si debba puntare di più sui giovani”. E poi c’è sempre il Napoli con il quale togliersi qualche soddisfazione… ”Al momento – conclude Insigne – il nostro pensiero è al play off che sarà fondamentale per la stagione. Vogliamo tornare in Champions e dobbiamo affrontare al massimo questa sfida del preliminare. Poi i nostri obiettivi sono sicuramente fare bene in Europa e vincere lo scudetto. Vogliamo farlo soprattutto per i tifosi”. .