Calciomercato Roma, Adriano: foto con Narcos e fucili, la polizia chiede spiegazioni

Pubblicato il 1 Giugno 2010 11:57 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2010 12:00

Adriano

Adriano non si è presentato al commissariato di polizia, nel quartiere Bras de Pinha di Rio, dove era stato convocato per dichiarare sui suoi presunti legami con narcotrafficanti di alcune ‘favelas’ della città carioca.

Al posto del calciatore, che giorni fa ha raggiunto un accordo verbale per andare alla Roma, si è presentato il suo legale, che ha chiesto di fissare un nuovo appuntamento per l’ex attaccante del Flamengo.

Secondo l’avvocato, Adilson Fernandes, Adriano non si è presentato in quanto non ha potuto «prendere conoscenza» della causa contro di lui per presunti legami con ‘narcos’ della metropoli carioca.

Di fronte al commissariato della polizia c’erano circa 200 tifosi, per manifestare la propria solidarietà al giocatore, che il 6 giugno partirà per l’Italia con l’obiettivo di definire il suo trasferimento alla Roma.

All’epoca in cui giocava con l’Inter, l’Imperatore era comparso in fotografie nelle quali appare, insieme ad un amico, impugnando un fucile, mentre con le mani fa il gesto della gang ‘Comando Vermelhò, il più antico gruppo di narcotrafficanti di Rio de Janeiro.

Alcuni dei boss di questo cartello provengono dalla stessa favela di cui è originario Adriano.