Calciomercato Roma: Zeman, Destro, Maxwell, Verratti, le trattative

Pubblicato il 3 Giugno 2012 11:41 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2012 11:42

ROMA – Calciomercato Roma: Zeman, Destro, Maxwell, Verratti, le trattative di Walter Sabatini, direttore sportivo del club giallorosso, per rinforzare la squadra in vista degli impegni della prossima stagione.

Nessun colpo di scena a Pescara. Dopo giorni di indiscrezioni e conferme piu’ o meno ufficiose, appelli dei tifosi biancazzurri a restare, incontri e colloqui telefonici piu’ o meno segreti con la dirigenza giallorossa, oggi finalmente l’annuncio ufficiale: Zdenek Zeman lascia il Pescara per andare alla Roma, con la quale l’accordo e’ vicinissimo.

Lo ha detto lo stesso tecnico boemo, in quella che e’ la sua conferenza stampa di addio alla societa’ che lo ha rilanciato, ottenendo una incredibile promozione in A.

E’ il ‘solito’ Zeman, con le sue pause, la sua calma e i sorrisi ironici: anche se in zona Cesarini, a conferenza stampa consumata, il suo volto si riga di quelle lacrime che ha trattenuto a lungo. Il boemo non ha tradito le attese, lanciando anche qualche bordata delle sue sul Calcioscommesse – ”pensavo che arrivassero pene pesanti per quelli che hanno sbagliato per dare un esempio, purtroppo vedo che non succede nemmeno questo” – e prendendo subito in contropiede i numerosi giornalisti giunti dalla capitale: ”Parlo solo del Pescara, perche’ sono ancora il suo allenatore”.

Zeman ha voluto ricordare la splendida cavalcata con il Pescara, spiegando il perche’ della sua scelta di non rimanere un altro anno in riva all’Adriatico. ”Qui – ha spiegato – ho vissuto la mia migliore stagione: vado a Roma e mi porto Pescara nel cuore. Come sono stato qui non sono stato da nessuna parte”.     Poi il tecnico ha spiegato la scelta di andare alla Roma. ”A 65 anni – ha argomentato – e’ questa per me l’ultima occasione della vita per tornare ad allenare una grande squadre. Non potevo dire di no. Ero andato via da Roma 13 anni fa senza aver completato il mio lavoro. E dunque torno con la speranza di fare bene”.    Qualche tifoso ha parlato di tradimento, Zeman pero’ non la vede cosi’.

”Non c’e’ stato nessun tradimento – ha chiarito – : avevo il contratto di un anno e alla scadenza ho deciso che c’erano i motivi per cambiare. Avevo iniziato a parlare con la societa’ biancazzurra del prossimo campionato. Poi e’ successo quello che sapete e le cose sono cambiate”.     Niente Roma, aveva detto all’inizio della conferenza stampa, ma il pressing dei giornalisti alla fine per qualche attimo ha avuto la meglio. ”Con Totti – ha ammesso – in questi 13 anni ci siamo visti e sentiti qualche volta. Oggi la Roma e’ per me meglio della Lazio. Parlo ovviamente di progettualita”’.

E allora ecco servito subito lo Zeman-pensiero sulla sfida della capitale. ”Il derby e’ bello per quello che accade prima e dopo, per l’atmosfera, per il calore dei tifosi e per tutto quello che e’ il colore. Ma in campo e’ una partita come le altre. I punti in palio sono sempre tre”.

”Fra Roma e Lazio oggi preferisco la Roma per come vuole fare calcio. Non mi vedo invece nella Lazio in questo momento”. Nonostante si fosse trincerato per quasi tutta la conferenza stampa dietro al fatto di essere ancora tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, alla fine, ha risposto ad una domanda sul momento delle squadre della capitale, ribadendo anche la sua idea sul derby.    ”Io ho detto e ripeto per la centesima volta che il derby di Roma e’ bello per pubblico e passione e per l’attesa e il contorno – ha sottolineato -. Ma in campo e’ una partita come le altre perche’ i punti in palio sono sempre tre”.

La Roma sta cercando un rinforzo per ogni reparto. Per l’attacco si segue la pista che porta a Mattia Destro, i giallorossi potrebbero offrire al Genoa come contropartita Borini o Borriello.

La Roma sta inseguendo anche il terzino Maxwell e il centrocampista offensivo Verratti ma ad oggi sono due piste poco percorribili.

[poll id=”165″].