Sport

Calciomercato: senza vendere non si compra

Silvio Berlusconi

Sono finiti i tempi in cui l’Italia era la regina del calciomercato estivo. I grandi giocatori non vengono più nel nostro Paese preferendo i milioni di euro della Gran Bretagna o della Spagna.

Inter, Roma, Milan e Juventus non comprano se prima non riescono a vendere i giocatori in esubero nella rosa. I bianconeri dopo aver acquistato Simone Pepe dall’Udinese, Marco Storari dalla Sampdoria e Jorge Martinez dal Catania lavorano sulle cessioni.

I rossoneri sono in una fase di stallo: devono vendere Ronaldinho Gaucho, e liberarsi del suo pesante ingaggio, per poi fare nuovamente mercato. L’obiettivo numero 1 è Zlatan Ibrahimovic ma il suo compenso annuo di 12.5 milioni di euro scoraggia Silvio Berlusconi.

La società giallorossa dopo aver acquistato a parametro zero Adriano e Fabio Simplicio deve vendere Alex Doni, Cicero Cicinho e Julio Baptista per ottenere i soldi per il riscatto di Nicolàs Burdisso.

Sono finiti i tempi delle vacche grasse, ora fa la differenza l’abilità degli agenti di mercato che operano nella “povera” Italia.

To Top