Canottaggio: 24 ore non stop sul vogatore, record sui 330 Km

Pubblicato il 29 Novembre 2010 0:11 | Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2010 9:17

Hanno remato per un giorno intero, come se avessero dovuto coprire una distanza analoga a quella che c’è tra Milano e Firenze, ma sono rimasti sempre nello stesso posto. Protagonisti dell’impresa sono due canottieri italiani, che hanno battuto il record mondiale delle 24 ore sul ‘remoergometro’, il simulatore di voga utilizzato nel canottaggio, percorrendo 328 chilometri e 596 metri.

I detentori del nuovo primato sono Mauro Martelli, livornese di 44 anni tesserato per i Vigili del Fuoco ‘Tomei’, e Sara Baran, padovana di 33, atleta della Canottieri Padova. Teatro dell’impresa, una palestra di Livorno, dove per 24 ore i due atleti hanno vogato, battendola fatica e il sonno. Il record è stato certificato dai dirigenti della Federazione Italiana Canottaggio.

Il primato da battere erano i 296 km ‘percorsi’ da due atleti statunitensi. Durante le 24 ore, amici e parenti hanno sostenuto Martelli e Baran, rifocillandoli con frutta e altri alimenti ‘leggeri’. ”Abbiamo fatto la staffetta – ha spiegato Martelli – dandoci il cambio ogni 10 minuti nei primi 100 chilometri e poi dopo 5 minuti”. La Baran è figlia d’arte: suo padre Primo (presente durante la regata-fiume) vinse l’oro nel ‘due con’ alle Olimpiadi del 1968 a Citta’ del Messico.