Catania in Lega Pro, possibili ripescate: Brescia, Ascoli, Varese, Lecce…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Giugno 2015 8:58 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2015 8:58
Catania in Lega Pro, possibili ripescate: Brescia, Ascoli, Varese, Lecce...

Il presidente del Catania Pulvirenti (LaPresse)

CATANIA – Retrocessione certa in Lega Pro per il Catania dopo lo scandalo delle partite comprateE adesso che cosa succede ai campionati? Partiranno regolarmente o il via sarà dato dalla giustizia sportiva?

Come riporta la Gazzetta dello Sport,

una risposta potrebbe arrivare già oggi, 30 giugno, dopo l’incontro tra il presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, e il procuratore federale Stefano Palazzi. L’appuntamento servirà a fare il punto della situazione sulle inchieste, ma soprattutto a fissare delle scadenze. I problemi maggiori riguardano serie B e Lega Pro. È quasi certo che entrambi i campionati non cominceranno prima di settembre.

In cima alla classifica delle possibili ripescate c’è il Brescia,

5 x 1000

che secondo calcoli non ufficiali sarebbe seguito da Ascoli, Varese, Lecce e Reggiana. Il Brescia è coinvolto però nell’inchiesta di Catania: al momento non ha tesserati indagati, ma se dovesse essere penalizzato anche di un punto non avrebbe diritto al ripescaggio (come l’Ascoli fallito nel 2014). Stessa cosa per il Varese, in caso di condanna dei suoi giocatori. Anche in questo caso l’iter non si annuncia breve. Il Catania, per la responsabilità diretta negli illeciti commessi da Pulvirenti, dovrebbe finire all’ultimo posto della classifica 2014-15: la carenza di organico sarebbe determinata da un provvedimento disciplinare e comporterebbe lo scivolamento nella classifica, con la riammissione dell’Entella, che ha perso il playout con il Modena.