Cesare Prandelli, addio alla Nazionale dopo il Mondiale. Allegri in pole

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Settembre 2013 8:48 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2013 8:49
Cesare Prandelli, addio alla Nazionale dopo il Mondiale. Allegri erede in pole

Prandelli (LaPresse)

FIRENZE – Cesare Prandelli dopo il Mondiale in Brasile lascerà la guida della nazionale per tornare ad allenare un club.

Dopo un quadriennio così intenso, rimettersi al lavoro con lo stesso entusiasmo per un obbiettivo minore (il prossimo Europeo) sarebbe difficile. Anche perché intanto è montata prepotente la nostalgia per il lavoro quotidiano in un club.

Il ct, in carica dal 2010, sarebbe infatti propenso a non rinnovare il contratto in scadenza nel 2014 con la Federazione, restando dunque libero di trovare una nuova sistemazione. Ma sarà giusto annunciare l’addio pochi mesi prima di una competizione così importante?

Nel frattempo, però, la Figc ha già iniziato a seguire diverse piste per la successione di Prandelli come Allegri, Conte, Mancini, Ranieri, Spalletti e Zaccheroni.

Il nome più accreditato per il dopo Prandelli in Nazionale è quello di Massimiliano Allegri. Quella rossonera sembra sicuramente la meta più calda per Prandelli in vista della stagione 2014/15.

Galliani e Berlusconi stimano l’attuale ct azzurro, sia a livello umano che come tecnico perfetto per lavorare coi giovani. Senza dimenticare che Prandelli è stato uno dei due tecnici, insieme a Roberto Mancini, a convivere con Balotelli. Con Prandelli in rossonero, proprio Allegri (in scadenza il prossimo 30 giugno) resta a oggi il nome più caldo per guidare la Nazionale.