Cessione Roma, tutti a Boston: firme entro 48 ore

Pubblicato il 14 Aprile 2011 19:07 | Ultimo aggiornamento: 14 Aprile 2011 19:08

Thomas DiBenedetto (foto LaPresse)

WASHINGTON –  Ormai sembra essere tutto pronto a Boston, alla vigilia della firma che segnerà il definitivo passaggio di proprietà della As Roma sotto il controllo di Thomas Dibenedetto. Per le firme, a meno di improbabili intoppi, i tempi sono di 24 massimo 48 ore.

Tutti i protagonisti di questa lunga trattativa, dai vertici di Unicredit agli avvocati dell’imprenditore americano e i suoi soci sono già nella città del Massachussets. E proprio giovedì 14 aprile Paolo Fiorentino, il chief operating manager della banca di Piazza Cordusio, si incontrerà con James Pallotta, una figura chiave della cordata guidata dallo ‘Zio Tom’, l’uomo che e’ riuscito a ricostruire i Boston Celtics, riportandoli a sfidare i rivali di sempre, i Lakers di Los Angeles, e che ora è fortemente determinato a fare grande la Roma.

Venerdì, l’avvio della riunione finale, la messa a punto degli ultimi dettagli, in modo da arrivare in giornata alla firma finale. Dalla capitale, intanto, quella di giovedì è stato il giorno della massiccia partenza di giornalisti alla volta di Boston. Se la città Usa era stata scelta per poter chiudere in tranquillità, allora, la missione non è stata compiuta.