Champions Femminile, Juve e Fiorentina quasi fuori: la magia del Mondiale è un lontano ricordo

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 12 Settembre 2019 20:11 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2019 20:14
Champions Femminile Juventus Fiorentina eliminate Mondiale lontano ricordo

Juventus quasi eliminata dalla Champions Femminile, Sara Gama in una foto di archivio dell’Ansa

ROMA – Archiviate le notti magiche del Mondiale Femminile, con l’Italia che ci ha fatto sognare fino ai quarti di finale, il risveglio è stato brusco. Ci siamo riempiti tanto la bocca con la “crescita del calcio femminile in Italia” ma la realtà è che il nostro movimento è lontano anni luce dai principali campionati europei. Juventus e Fiorentina hanno iniziato la Champions League in maniera disastrosa e rischiano di lasciare la massima competizione europea per club già da settembre. Juve e Fiorentina hanno perso in casa l’andata dei sedicesimi di finale, la Juve ha perso 0-2 contro il Barcellona, mentre le viola hanno perso 0-4 contro l’Arsenal. 

Certo, il sorteggio non è stato benevolo ma nonostante Juventus e Fiorentina fossero composte da giocatrici della Nazionale Italiana più stelle straniere acquistate da altri campionati, non hanno mai giocato alla pari con le loro avversarie. Le partite delle italiane sono state praticamente identiche: pallino del gioco in mano alle avversarie, difesa forte e ripartenze spesso innocue. 

Il Barcellona ha vinto in casa della Juventus grazie alle marcature di Putellas, dopo uno svarione difensivo dell’azzurra Gama, e di Torrejon, in gol di testa grazie ad una amnesia della retroguardia delle campionesse d’Italia in carica. 

Rita Guarino, allenatrice delle bianconere, resta comunque fiduciosa in vista della gara di ritorno. Ecco le sue dichiarazioni al sito internet ufficiale della Juventus: «Si riparte dalla prestazione delle ragazze, e da come hanno interpretato la gara. Con un po’ di coraggio e di aggressione in più forse le avremmo potute mettere maggiormente in difficoltà, ma conosciamo il valore del Barcellona, finalista in Champions League. Partite così vanno affrontate a viso aperto, e lo abbiamo fatto. Spiace come abbiamo preso il primo gol, sarebbe stato importante andare al 45’ in parità. Adesso recuperiamo energie mentali in vista dell’Empoli sabato».

Champions Femminile, squadre italiane quasi spacciate: servono rimonte miracolose al ritorno. 

Dominio Arsenal a Firenze. Sotto gli occhi di tifosi speciali come Montella, Boateng e Ribery, le inglesi hanno sempre tenuto in mano il pallino e di gioco e hanno chiuso il match già nel primo tempo con le marcature dell’olandese Miedema, vero e proprio incubo del calcio italiano visto che ci ha già segnato ai Mondiali con l’Olanda, e di Little. Nella ripresa, Miedema ha sfruttato una dormita della retroguardia viola per segnare il gol della sua doppietta. Il quarto gol è stato segnato dalla Evans con un tiro al volo da due passi.

Adesso alle squadre italiane servirà un miracolo sportivo nel match di ritorno visto che la Champions femminile non prevede una fase a gironi ma solamente scontri ad eliminazione diretta.