Dybala stende la Lokomotiv, la Juve vola in Champions. Atalanta travolta dal City

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 22 Ottobre 2019 22:52 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2019 22:54
Champions League Manchester City Atalanta Juventus Lokomotiv Mosca

Champions League, Juventus con Cristiano Ronaldo e Dybala (foto Ansa)

ROMA – Gioie e dolori per le squadre italiane nella terza giornata della fase a gironi di Champions League. La Juve ha vinto in rimonta contro la Lokomotiv, grazie ad uno straordinario Dybala, e ha ipotecato la qualificazione agli ottavi mentre l’Atalanta è stata schiantata dal Manchester City ed è virtualmente fuori dalla Champions dopo tre sconfitte consecutive. 

La Juve ha sofferto contro la Lokomotiv perché è andata sotto per un episodio e poi ha faticato a sradicare il muro difensivo dei russi. La squadra di Mosca era passata in vantaggio con Miranchuk dopo una respinta di Szczesny su una conclusione a rete dell’ex Inter Joao Mario. 

Nella ripresa, Sarri ha tentato il tutto per tutto con il tridente Dybala, Higuain e Cristiano Ronaldo e con l’inserimento in campo di un calciatore di fantasia come Rabiot. Dopo una prima parte bloccata, ci ha pensato Dybala con due lampi nel giro di tre minuti. 

Al 76′, ha battuto il portiere avversario con un bolide dalla lunga distanza, al 79′ ha raccolto una respinta dell’estremo difensore russo su una conclusione potente di Alex Sandro per insaccare da due passi con una rasoiata di sinistro. Questo risultato permette alla Juve di ipotecare la qualificazione perché è prima insieme all’Atletico a quota 7 punti a più 4 sulla Lokomotiv Mosca e a più 7 sul Bayer Leverkusen. 

Se la Juve ride, l’Atalanta si lecca le ferite. La squadra di Bergamo, con migliaia di tifosi al seguito, ha sognato per 34 minuti ma poi è stata travolta dalla squadra di Guardiola, tra le favorite per la vittoria della Champions. 

Nella prima mezzora di gioco, l’Atalanta è riuscita a portarsi in vantaggio grazie ad un gol su rigore di Malinovskyi e ha sprecato altre occasioni da rete. Poi è arrivato il pareggio di Aguero su invenzione di Sterling. Questa rete ha tagliato le gambe all’Atalanta che è praticamente sparita dal campo. Poco dopo Aguero ha completato la rimonta su un rigore guadagnato da Sterling. 

Nella ripresa Sterling, che già aveva disputato un primo tempo sontuoso con un assist ed un rigore guadagnato, si è tolto anche lo sfizio di segnare una tripletta. Game over per l’Atalanta che, salvo miracoli, è fuori sia dalla Champions League che dalla consolazione chiamata Europa League. In questo modo potrà concentrare tutte le sue energie per la lotta al quarto posto in campionato. 

Champions League, Juventus-Lokomotiv Mosca 2-1, gol: Miranchuk al 30′, Paulo Dybala al 76′ e al 79′.
Classifica: Atletico 7, Juventus 7, Lokomotiv 3 e Bayer Leverkusen 0. 

La Juventus è scesa in campo con Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bentancur; Dybala e Ronaldo. Sarri ha preferito Dybala a Higuain. 

La Lokomotiv Mosca risponde con Guillerme; Ignatyev, Corluka, Höwedes, Idowu; Joao Mario, Barinov, Murilo, Krychowiak, Al. Miranchuk ed Eder.

Dopo trenta minuti di sostanziale equilibrio, la Lokomotiv Mosca è passata in vantaggio grazie ad una invenzione di Joao Mario. L’ex centrocampista dell’Inter ha calciato a rete, Szczesny ha respinto la sua conclusione servendo un comodo “assist” per la rete di Miranchuk. Il primo tempo è terminato con la Lokomotiv in vantaggio di un gol a Torino. 

Nella ripresa, la Juve ha raccolto i frutti dei suoi attacchi al 76′. Dybala ha battuto il portiere avversario con un sinistro potentissimo da fuori area di rigore. Il suo tiro è finito sotto l’incrocio dei pali. Nulla da fare per il portiere dei russi. Al 79′, Dybala completa la rimonta firmando il gol della sua doppietta. 

Il portiere russo ha respinto una conclusione potente di Alex Sandro, il pallone è arrivato a Dybala che ha segnato con una rasoiata di sinistro facendo esplodere lo Stadium. E’ finita, la Juve ha battuto la Lokomotiv e ha agganciato l’Atletico al primo posto portandosi a più quattro sui russi. 

Champions League, Manchester City-Atalanta 5-1, gol: Malinovskyi su rigore al 27′, Sergio Aguero al 34′ e al 39′ su rigore, Sterling al 58′, al 64′ e al 71′.
Classifica: Manchester City 9, Dinamo Zagabria 4, Shakhtar Donetsk 4 e Atalanta 0. 

L’Atalanta si gioca la partita storica sul campo del City con Gollini; Toloi, Djimsiti, Masiello; Castagne, de Roon, Freuler, Gosens; Malinovskyi; Gomez e Ilicic.

Pep Guardiola risponde con Ederson; Walker, Rodri, Fernandinho, Mendy; De Bruyne, Gundogan, Foden; Mahrez, Aguero e Sterling. Il tecnico spagnolo ha bocciato Stones e Otamendi, scegliendo di giocare senza difensori di ruolo. 

Aguero vicino al gol al 25′. Il centravanti della Nazionale Argentina ha fatto partire un tiro a giro che è stato deviato in calcio d’angolo da Gollini con una parata miracolosa. Al 27′, Aguero è stato servito da Foden ma ha sparato alto da due passi. 

Atalanta in vantaggio su calcio di rigore al 27′. Il tiro dagli undici metri, assegnato per un fallo di Fernandinho ai danni di Ilicic, è stato trasformato con freddezza da Malinovskyi. Pareggio del City al 34′, Sterling ha crossato dalla sinistra, Aguero è sfuggito dalla marcatura di Djimsiti e ha insaccato al volo sotto le gambe di Gollini. 

Rimonta City al 39′. Sterling è stato steso da Masiello, dagli undici metri non ha sbagliato Aguero. Doppietta per il Kun. Il primo tempo è terminato con il City sopra di due a uno sull’Atalanta.

Al 58′, Sterling, autore di una prestazione straordinaria con un assist e un rigore guadagnato, ha chiuso i giochi su assist di Foden. Ancora Sterling, doppietta dell’attaccante inglese al 64′, Dea fuori dal match. L’Atalanta è sparita dal campo, Sterling segna il gol della tripletta su assist di Mahrez. I padroni di casa hanno chiuso il match in dieci uomini per l’espulsione di Foden. E’ finita, poker del City all’Atalanta.