Ciro Esposito di nuovo in coma. La mamma: “Viviamo un incubo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Maggio 2014 12:01 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2014 12:02
Paura per Ciro Esposito: «Di nuovo in coma». La mamma: «Viviamo un incubo»

Ciro Esposito

ROMA – Ciro Esposito, il tifoso del Napoli lo scorso 3 maggio ferito in maniera grave a Roma in uno scontro con un gruppo di supporter romanisti, poche ore prima della finale di Coppa Italia tra partenopei e Fiorentina, è di nuovo in coma.

Stando a quanto riporta oggi il Messaggero in un articolo di Dario Gambardella e Alessia Marani, le condizioni del giovane di 29 anni che fu raggiunto da un colpo di pistola sono diventate nuovamente critiche. Ieri il tifoso di Scampia sarebbe stato intubato e sedato d’urgenza, poche ore dopo essere stato definito dai medici “cosciente e collaborante”.

Ciro Esposito, dopo aver mandato segnali positivi è ricaduto in coma e la sua vita è tornata ad essere appesa ad un filo. “Già sabato sera aveva la febbre a 39 gradi, di lì lo spettro di un’infezione – ha affermato il padre Giovanni – ma oggi alle due l’hanno di nuovo trovato intubato. Il primario non c’era, solo dopo ci hanno informato della situazione. I valori comunque sono tornati stabili”.

“Ciro è ancora molto confuso per l’effetto dei sedativi – ha spiegato invece la fidanzata 25enne Simona – non riesce a ricordare tutto quello che ha fatto la settimana prima dell’incidente. Però ha paura dei poliziotti, appena sente il bip dei macchinari si agita, ha capito che gli hanno sparato. E forse preferiscono tenerlo addormentato anche perché non si innervosisca troppo. Lo spero in cuor mio”.

“Senza di lui – dice infine la mamma Antonella – a casa non ci torno. Per noi è come finire nuovamente in un incubo, perché Ciro non è più vigile ed è intubato a causa di un’infezione che ha provocato una febbre molto alta”.