Claudio Lotito indagato per tentata estorsione si difende: “Miei accusatori diventeranno accusati”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2015 20:08 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2015 20:09
Claudio Lotito indagato per tentata estorsione si difende: "Miei accusatori diventeranno accusati"

Claudio Lotito

ROMA – “Ho la massima fiducia nella magistratura, e confido che in breve tempo chiarisca la mia posizione al fine di trasformare i miei accusatori in accusati“. Si difende così, in una dichiarazione all’Ansa, Claudio Lotito, indagato dall Procura di Napoli per tentata estorsione. Un’inchiesta scaturita dalla registrazione di una telefonata con Lotito consegnata agli inquirenti dal dg dell’Ischia Calcio, Pino Iodice nei mesi scorsi.

Repubblica spiega:

I presunti illeciti riguardano l’erogazione di finanziamenti a società calcistiche. Ci sarebbero state, secondo i pm che indagano, presunte pressioni per costringere dirigenti di Lega Pro a votare l’approvazione di bilancio in senso favorevole alle sue richieste, allo scopo di acquisire una posizione di forza in Figc, Lega A e in quelle minori a vantaggio anche dei suoi club, Lazio e Salernitana. Nella telefonata il presidente della Lazio e vicepresidente federale si augurava anche che le piccole squadre come il Carpi e il Frosinone non approdassero in serie A per non compromettere l’incasso dei diritti televisivi del campionato

Ma Lotito non ci sta e nella nota aggiunge: “Contro di me c’è una campagna diffamatoria per ostacolare l’opera di risanamento del calcio. Da mesi sono oggetto di una campagna diffamatoria e calunniosa il cui fine è indubbiamente quello di ostacolare l’opera di risanamento del calcio che sto contribuendo faticosamente a portare avanti, come dimostrato dai molteplici provvedimenti già adottati allo scopo di assicurare l’assoluta trasparenza del sistema”.

5 x 1000

“Consapevole di questo, mesi addietro, avevo appunto presentato presso la Procura di Roma una denuncia per diffamazione e calunnia – aggiunge il presidente della Lazio -. Confido che la magistratura, nella quale ho da sempre la massima fiducia, possa in breve tempo chiarire positivamente la mia posizione al fine di trasformare i miei accusatori in accusati”.