Clericus Cup: Red Mater-San Paolo Apostolo 7-0

Pubblicato il 26 Marzo 2011 14:11 | Ultimo aggiornamento: 26 Marzo 2011 14:11

ROMA, 26 MAR – Red Mater sette bellezze.

I campioni in carica della Redemptoris Mater, al debutto della quinta edizione della Clericus Cup, passano per 7-0 sul San Paolo Apostolo. Prima della partita doveroso omaggio all’ex presidente del Csi Roma Franco Mazzalupi: sulla panchina dove solitamente sedeva ad ogni partita, Giacomo Piermarini, leader della squadra gialloblu’, ha deposto un mazzo di fiori in sua memoria. In campo netta supremazia dei ”tripletisti” clericali.

Nel tabellino entra tre volte Aldo Donelli, trequartista piacentino da poco entrato in seminario, e subito protagonista del torneo a suon di gol come l’illustre concittadino Inzaghi, cui si ispira. In gol anche il capitano Davide Tisato su rigore, che oggi festeggia 27 anni. Ad abbracciarlo e festeggiarlo la sua famiglia, partita da Verona nel cuore della notte e presente in tribuna. Nel Girone A vince anche l’altra Mater. L’Ecclesiae in un match altalenante e spettacolare supera per 4-3 transalpini del Pontificio Seminario Gallico.

Tripletta per il messicano Cesar ”Pato” Astorga, tra i latinoamericani, cosi’ come invocato (con il suo nomignolo) dagli spalti dai supporter mariani. Tra i galletti spicca il nuovo arrivato Sadio: il potente attaccante senegalese ha segnato una doppietta all’esordio. Nel Girone B buon esordio dell’Angelicum: poker servito al Sant’Anselmo (4-0), con gol argentini di Villagran (tifosissimo del River Plate, neoemulo di Pavone) e Javier Ibarra (somiglianza spaventosa con Rooney quella del sacerdote domenicano del seminario San Vitaliano). Digiuno ‘quaresimale’ per gli aventiniani, mai in partita.

Il big match tra North American Martyrs e Collegio Brasiliano, rispettivamente argento e bronzo dell’edizione 2010, si e’ deciso ai rigori 5-3 per gli statunitensi, dopo l’avvincente 1-1 dei tempi regolamentari. Ai carioca non e’ bastato il talento del nuovo arrivato Celso Belo, paranaense, non ancora ”profeta” come il suo idolo Hernanes. Domani pomeriggio in campo i gironi C e D.