Colombia: sospeso e multato giocatore che ha ucciso il gufo – mascotte

Pubblicato il 3 Marzo 2011 13:26 | Ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2011 13:28

BARRANQUILLA (COLOMBIA) – Luis Moreno, difensore del Deportivo Pereira che ha dato un calcio a un gufo infortunato per toglierlo dal campo durante una partita, è stato sospeso per due partite e multato di 560 dollari dai giudici sportivi colombiani.

I giudici hanno deciso le sanzioni contro Moreno, che domenica ha dato un calcio al gufo atterrato vicino a lui, causandone la morte per shock 30 ore dopo il colpo subito, nonostante i trattamenti ricevuti in una clinica veterinaria. Il gufo era la mascotte non ufficiale della squadra dell’Atletico Junior, che ha sconfitto il Pereira per 2-1 nella partita di domenica.

Moreno si è scusato e ha detto che stava solo cercando di fare uscire dal campo l’animale e che non sapeva dell’importanza che aveva. I giudici hanno giustificato la loro decisione dicendo che l’atto di Moreno avrebbe potuto incitare alla violenza i tifosi di casa. “Questo animale era un simbolo per i tifosi della città di Barranquilla”, hanno dichiarato i giudici. “Dato l’atto di aggressività che è avvenuto nel loro stadio e in piena vista, questo atto può essere interpretato come provocatorio”, hanno concluso i giudici. Moreno, che vive a Pereira, è stato bersagliato da insulti ed editoriali di quotidiani che condannano il suo comportamento. “Ho ricevuto delle minacce”, ha detto, senza scendere nei particolari.