Commisso replica a Gasperini: “Mio figlio minacciato dai tifosi dell’Atalanta”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Gennaio 2020 12:07 | Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2020 12:07
Commisso replica a Gasperini: "Mio figlio minacciato dai tifosi dell'Atalanta"

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso (foto ANSA)

ROMA – Rocco Commisso ha voluto replicare alle accuse di Gasperini in merito agli insulti ricevuti dai tifosi della Fiorentina e denunciati in tv dall’allenatore dell’Atalanta. Il presidente del club toscano, con un piccato comunicato stampa, ha risposto al tecnico ricordando gli insulti subiti da Federico Chiesa a Bergamo (dopo alcune dichiarazioni di Gasperini contro l’attaccante) e le minacce rivolte a suoi figlio durante l’ultimo match di campionato.

“Ho letto e sentito parole molto dure e offensive nei confronti dei tifosi della Fiorentina sia da parte di Gasperini che del presidente Percassi. Mi è stato raccontato che dopo le dichiarazioni di Gasperini dell’anno scorso su Chiesa, il nostro giocatore a Bergamo è stato insultato per tutta la partita. Mio figlio e Joe Barone quest’anno a Parma in campionato contro l’Atalanta sono stati insultati e anche minacciati in tribuna ma nessuno ha detto o fatto nulla, se non scaricare la colpa al personale di servizio. Io al figlio di Percassi ho dato la nostra massima ospitalità e sono rimasto a parlare con lui per diverso tempo. Prima di parlare dei tifosi delle altre squadre e della Fiorentina in particolare, penso sia doveroso guardare cosa succede in casa propria, dove anche dopo il brutto episodio di cori razzisti contro Dalbert, i commenti in casa Atalanta non sono stati di forte condanna e senza nessun indugio. I tifosi della Fiorentina vanno rispettati”. (fonte: ANSA).