Consiglio federale: Serie A, B e C vanno avanti. In caso di nuovo stop playoff e playout

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 20 Maggio 2020 16:08 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2020 20:06
Consiglio federale: Serie A, B e C vanno avanti. In caso di nuovo stop playoff e playout

Consiglio federale: Serie A, B e C vanno avanti. In caso di nuovo stop playoff e playout (foto Ansa)

ROMA – Il Consiglio federale ha emesso i suoi verdetti, Serie A, Serie B e Serie C hanno deciso di voler ricominciare il campionato mentre i Dilettanti si fermano definitivamente.

Insomma Serie B e Serie C si sono attestate sulla stessa posizione della Serie A mentre la Serie D e le altre categorie dei Dilettanti non riprenderanno i tornei.

Questa è la posizione delle varie leghe ma ovviamente l’ultima parola spetterà al governo.

Serie A, B e C riprenderanno solamente se il Comitato tecnico scientifico darà il via libera al governo.

Una decisione su questo argomento, come annunciato qualche ora fa dal ministro dello sport Spadafora, dovrebbe essere presa il 28 maggio.

Il Consiglio federale ha stabilito che la stagione calcistica italiana dovrà terminare entro il 31 di agosto.

Mentre i tre campionati, Serie A, B e C, dovranno concludersi entro il 20 agosto per poi lasciare spazio alla Coppa Italia.

Consiglio federale, la Serie A dovrebbe chiudere la stagione prima di B e C per gli obblighi con la Uefa.

E’ probabile che la stagione di Serie A termini prima perché la Uefa vuole conoscere i nomi delle qualificate alle prossime coppe europee entro il 3 agosto.

Non solo, tra la prima e la seconda settimana di agosto dovranno essere concluse anche le coppe europee attualmente in corso.

Per quanto riguarda la Serie A, le parti non hanno esclusa nessuna soluzione.

Il piano A è quello di concludere la stagione con la stessa formula prevista ad inizio campionato.

Ma esiste anche un piano B che scatterebbe nel caso in cui il campionato venisse nuovamente interrotto per il coronavirus.

Secondo questo piano di riserva, il numero di partite verrebbe accorciato  attraverso playoff scudetto e playout retrocessione.

Esiste anche un piano C, che non vuole nessuno, quello della cristallizzazione dell’attuale classifica.

In ogni caso, per la Lega Serie A l’importante è riprendere a giocare al più presto.

In caso di via libera da parte del governo, i club cercheranno la formula più opportuna per portare a termine la stagione.

L’opzione preferita, e questo vale tanto per la A quanto per la B e la C, è quella di portare a termine i tornei con le formule di inizio stagione.

Ma questo sarà possibile solamente con un calcio d’inizio per metà giugno.