Juventus-Napoli in finale di Coppa Italia, l’Inter non è riuscita a passare al San Paolo

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 13 Giugno 2020 20:19 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2020 10:05
Juventus-Napoli in finale di Coppa Italia, l'Inter non è riuscito a passare al San Paolo

Juventus-Napoli in finale di Coppa Italia, l’Inter non è riuscito a passare al San Paolo (foto Ansa)

NAPOLI – Coppa Italia, semifinale di ritorno: Napoli-Inter 1-1, gol: Eriksen al 2′, Mertens al 41′ (risultato andata 1-0).

Sarà Juventus-Napoli la finale di Coppa Italia che assegnerà il primo trofeo italiano durante la fase di convivenza con il coronavirus.

Eppure la partita non era iniziata bene per i campani visto che l’Inter era passato in vantaggio dopo aver giocato una grande mezz’ora.

La squadra di Antonio Conte ha sbloccato la partita grazie ad un gol da calcio d’angolo di Eriksen (il primo dopo la ripresa del calcio italiano).

Poi i nerazzurri hanno dominato ma hanno fallito comode occasioni da gol con Candreva e Lukaku.

Questi errori, insieme ad una clamorosa sbandata difensiva, sono costati cari all’Inter visto che il Napoli ha segnato la rete qualificazione a fine primo tempo con Mertens.

Il belga ha segnato da due passi su assist di Insigne ed è diventato il capocannoniere assoluto del Napoli staccando sia Hamsik che Maradona.

Nella ripresa, il Napoli ha giocato meglio ma l’Inter si è fatto comunque molto pericoloso con Eriksen e Alexis Sanchez (entrato in campo al posto di Lautaro Martinez).

Oltre a Mertens, l’eroe della serata è stato Ospina.

Il portiere colombiano aveva iniziato malissimo la partita con la papera che aveva regalato il gol ad Eriksen ma poi è salito in cattedra con dei miracoli su Candreva, Lukaku e lo stesso centrocampista danese.

Adesso si sfideranno in finale due allenatori che non hanno mai vinto la Coppa Italia, chi sarà il primo a trionfare tra Sarri e Gattuso? Lo scopriremo mercoledì 17 giugno a Roma…

Napoli-Inter, Mertens diventa il capocannoniere della società campana e regala la finale di Coppa Italia alla sua squadra.

Prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare le vittime del coronavirus.

Anche a Napoli, come a Torino, erano presenti in mezzo al campo dei rappresentanti dei medici, degli infermieri e degli assistenti socio sanitari.

L’Inter sfida il Napoli con Handanovic; Skriniar, De Vrji, Bastoni; Candreva, Barella, Brozovic, Young; Eriksen; Lukaku e Lautaro.

Il Napoli sfida l’Inter con Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Elmas, Demme, Zielinski; Politano, Mertens e Insigne.

L’Inter è passato in vantaggio nella semifinale di Coppa Italia dopo appena due minuti. Eriksen ha segnato direttamente su calcio d’angolo anche grazie ad una leggera deviazione di Di Lorenzo.

Il gol di Eriksen è il primo dopo la ripartenza del calcio italiano durante la fase di convivenza con il coronavirus.

Inter vicino al raddoppio al 15′. Candreva ha superato in dribbling Hysaj  e ha fatto partire un gran sinistro che è uscito di un soffio.

Per adesso è una partita a senso unico. Cross di Candreva, sponda di Eriksen e colpo di testa a botta sicura, uscito di un soffio, di Lukaku al 28′.

Nerazzurri vicini al raddoppio al 32′. Gran colpo di testa di Lukaku su cross di Young e respinta miracolosa di Ospina.

Al 39′, Candreva ha seminato il panico nell’area di rigore del Napoli e ha fatto partire un gran destro deviato in calcio d’angolo da Ospina. Lukaku avrebbe voluto un assist nel mezzo.

Nel momento migliore dell’Inter, il Napoli ha pareggiato i conti al 41′.

Ospina ha messo in porta Insigne con un lancio perfetto, l’attaccante campano ha crossato in mezzo per Mertens che non ha avuto alcuna difficoltà a segnare a porta vuota.

Il primo tempo è terminato sul risultato di uno a uno, l’Inter ha giocato meglio per almeno mezz’ora ma poi Mertens ha pareggiato i conti su una dormita dei nerazzurri.

Il secondo tempo si è aperto con un gran diagonale di Lorenzo Insigne, su assist di Dries Mertens, uscito di pochissimo.

Milik ha sfiorato il gol al 74′ dopo essere stato colpito da un rinvio maldestro di Brozovic.

Alexis Sanchez ha sfiorato il 2 a 1 al 77′, il diagonale dell’attaccante cileno è uscito di un soffio.

Un minuto dopo, Eriksen ha calciato una punizione con potenza ma Ospina è stato bravo a respingere la sua conclusione.

E’ finita, il Napoli ha pareggiato contro l’Inter e si è qualificato per la finale di Coppa Italia dove sfiderà la Juventus.