Coronavirus, Cristiano Ronaldo-Spadafora volano accuse. Il ministro: “Non sia arrogante e bugiardo”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 17 Ottobre 2020 11:48 | Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2020 11:48
Coronavirus, Cristiano Ronaldo-Spadafora volano accuse. Il ministro: "Non sia arrogante bugiardo"

Coronavirus, Cristiano Ronaldo-Spadafora volano accuse. Il ministro: “Non sia arrogante e bugiardo” (foto Ansa)

Botta e risposta tra Cristiano Ronaldo e Spadafora sul coronavirus. L’ultima parola  al ministro dello Sport: “Non sia arrogante e bugiardo”.

Duro scontro a distanza, anche perché Cristiano Ronaldo ha il coronavirus, tra il ministro dello sport Spadafora ed il fuoriclasse portoghese.

La storia è nota a tutti. Cr7 si è messo in viaggio e ha raggiunto Torino nonostante fosse positivo al Covid. Un comportamento che non è permesso a nessun altro cittadino. 

Allora Spadafora ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di «Il Mix delle cinque» in onda su Radio Uno.

“Cristiano Ronaldo ha violato il protocollo sanitario mettendosi in viaggio con il Covid? Sì, penso proprio di sì, se non ci sono state autorizzazioni specifiche dell’autorità sanitaria”.

Pronta la replica di Cristiano Ronaldo attraverso il suo profilo Instagram. Il portoghese ha girato un video per dire: 

“Un signore dall’Italia che dice che non ho rispettato il protocollo voglio dire che l’ho rispettato e sempre lo rispetterò”.

Raccolta la replica del calciatore della Juventus, Spadafora ha avuto l’ultima parola (per ora…): 

“La notorietà e la bravura di certi calciatori non li autorizza ad essere arroganti – ha detto all’Ansa -, irrispettosi verso le istituzioni e a mentire: anzi, più si è noti più si dovrebbe avvertire la responsabilità di pensare prima di parlare e di dare il buon esempio.

Non ho intenzione di proseguire all’infinito su questo tema: confermo quanto detto ieri relativamente all’abbandono dell’hotel di alcuni giocatori della Juventus, basandomi tra l’altro sulle comunicazioni della società alla Asl di Torino.

Non interverrò più sul tema e rinnovo gli auguri di pronta guarigione a tutti i positivi” (fonti La Gazzetta dello Sport e Il Corriere della Sera).