Coronavirus, Eriksen in isolamento. Ma l’hotel dove alloggia chiude per l’emergenza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Marzo 2020 14:53 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2020 14:53
Coronavirus, Eriksen in isolamento. Ma l'hotel dove alloggia chiude per l'emergenza

Coronavirus, Eriksen in isolamento. Ma l’hotel dove alloggia chiude per l’emergenza (Foto Ansa)

MILANO – Eriksen, come tutti i calciatori dell’Inter, si trova in isolamento dopo il caso della positività al coronavirus di Daniele Rugani della Juventus (ultima avversaria dei nerazzurri in campionato). il calciatore danese dell’Inter è stato però costretto a traslocare dopo la chiusura dell’albergo milanese in cui risiedeva. Chiusura dovuta proprio al coronavirus.

L’albergo in cui risiedeva, come riportato da La Repubblica, è stato costretto a chiudere proprio a causa della cancellazione delle prenotazioni scaturita dal decreto governativo. Ecco allora che lo staff dell’Inter ha dovuto trovare una nuova abitazione per il calciatore danese. Quest’ultimo potrà dunque proseguire nel suo periodo d’isolamento, seguendo una speciale tabella personalizzata per gli allenamenti.

Coronavirus, l’Uefa si arrende: chiude calcio europeo e molla i soldi.

Alla fine anche l’Uefa si è dovuta arrendere al coronavirus. Fino all’ultimo ha provato a mandare avanti Champions League ed Europa League. Mandarle avanti nonostante tutto, mandarle avanti perché? Per lo spettacolo? Sì certo, anche per quello. Ma soprattutto per un discorso economico, per i soldi insomma. Perché anche con le partite a porte chiuse, il vero bottino arriva dai diritti tv, quindi dalle partite trasmesse dalle varie emittenti. 

Una rinuncia non da poco, ma poco altro si poteva fare. Rinviare alcune partite sì e altre no non aveva senso (l’Atletico Madrid per esempio con chi e quando avrebbe giocato?). Quindi meglio rinviare tutto, chiudere per il momento, come già hanno fatto in Italia, Spagna e anche Inghilterra.