Coronavirus, sorpresa della Juventus all’infermiere tifoso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Aprile 2020 14:39 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2020 14:39
Coronavirus, sorpresa della Juventus all'infermiere tifoso

Coronavirus, sorpresa della Juventus all’infermiere tifoso (foto Ansa)

TORINO – La Juventus scende in campo contro il coronavirus. Alcuni calciatori bianconeri hanno fatto una sorpresa ad un infermiere tifoso che sta lottando in prima linea contro il virus, mentre Maurizio Sarri ha donato quattromila mascherine al suo comune, quello di Figline e Incisa Valdarno (Firenze).

Juventus, la sorpresa per l’infermiere tifoso.

Alcuni calciatori della Juventus, del presente e del passato, hanno deciso di regalare un compleanno speciale ad un infermiere che è un grande tifoso bianconero.

Hanno aderito a questa iniziativa Bonucci, Douglas Costa, Chiellini, Daniele Rugani e altri…

I calciatori della Juventus hanno raccolto i loro auguri di compleanno all’infermiere Antonio in un video.

Antonio lavora in una clinica di Arona, in Piemonte. E’ da giorni in prima linea contro il coronavirus.

La sorpresa all’infermiere è stata organizzata dalla fidanzata Alisia che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a repubblica.it.

“Antonio è un infermiere, costretto a vivere lontano da casa per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Nel giorno del suo compleanno un augurio va a chi infermiere lo è tutti i giorni, anche senza alcun elogio, lontano dalla propria terra e dagli affetti più cari.

Il mio vuole essere un omaggio alla forza e alla perseveranza di chi si batte in corsia”.

Coronavirus, il bel gesto di Maurizio Sarri per il Comune di Figline e Incisa Valdarno (Firenze).

Sono circa 4mila le mascherine che l’allenatore della Juventus Maurizio Sarri, insieme a sua moglie Marina Pazzaglia al figlio Nicolè e ai loro amici, hanno deciso di donare al Comune di Figline e Incisa Valdarno (Firenze), dove il tecnico bianconero ha vissuto in gioventù, per sostenere la loro comunità durante l’emergenza sanitaria in corso.

Lo rende noto l’Amministrazione comunale.
Una parte è già stata consegnata e distribuita ai volontari della Protezione civile, ai dipendenti comunali, delle farmacie e degli uffici postali e a tutti coloro che continuano a lavorare in emergenza, per assicurare servizi essenziali alla cittadinanza.

Lo stesso criterio di distribuzione sarà adottato nei prossimi giorni, in occasione della seconda tranche di consegna.

“Si tratta dell’ennesimo gesto di solidarietà, di vicinanza e di affetto che ci arriva in questi giorni particolarmente difficili – commenta il sindaco Giulia Mugnai -, ma che dimostra che uniti e rispettando le regole riusciremo a superare l’emergenza sanitaria in corso. Ringrazio, quindi la famiglia Sarri e i loro amici per questo gesto di grande sensibilità”. (fonti ANSA e repubblica.it).