Coronavirus, Juventus-Milan a porte aperte ma con divieto per i tifosi provenienti da Lombardia, Veneto e Emilia-Romagna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Febbraio 2020 19:45 | Ultimo aggiornamento: 29 Febbraio 2020 20:06
Coronavirus, Juventus-Milan a porte aperte ma con divieto per i tifosi provenienti dalla Lombardia

Coronavirus, Juventus-Milan a porte aperte ma con divieto per i tifosi provenienti dalla Lombardia, dal Veneto e dall’Emilia Romagna (Cristiano Ronaldo e Antonio Conte nella foto Ansa)

TORINO – La partita di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Milan, mercoledì sera all’Allianz Stadium, dovrebbe giocarsi a porte aperte all’Allianz Stadium di Torino, con il divieto di accesso per i tifosi provenienti dalla Lombardia, dal Veneto e dall’Emilia Romagna.

Le disposizioni verranno specificate nel Dpcm (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri). Così il prefetto Claudio Palomba al termine di un tavolo di sicurezza, oggi a Torino alla sede della Croce Rossa, sull’emergenza Coronavirus.

Coronavirus, Marotta dopo il rinvio di Juve-Inter: “Da dirigente, sono preoccupato…”.

“Il rinvio a maggio di Juve-Inter per via dell’emergenza coronavirus? La decisione – dice l’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta – è stata presa dalla Lega. Come cittadino dico che la situazione è di emergenza, dobbiamo avere rispetto della tutela della salute .

Ma da dirigente sono preoccupato, se il blocco fosse confermato fino all’8 marzo come gestiremo Atalanta-Lazio e Inter-Sassuolo? Tutto poteva essere gestito meglio“.

“Noi come Inter abbiamo chiesto di convocare un Consiglio straordinario urgente. Dobbiamo salvaguardare l’equilibrio e la competitività del nostro campionato – ha spiegato il dirigente nerazzurro – Pur davanti a un’emergenza notevolissima e al fatto che i tifosi debbano essere tutelati, è altrettanto vero che se per questa giornata viene adottato un criterio di rinvio, anche nella prossima giornata deve essere adottato lo stesso criterio” (fonti ANSA e Sport Mediaset).