Coronavirus, Michela Persico incinta di Rugani: “Ora ho paura per il bambino”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 18 Marzo 2020 17:14 | Ultimo aggiornamento: 19 Marzo 2020 15:59
Coronavirus, Michela Persico incinta di Rugani: "Ora ho paura per il bambino"

Coronavirus, Michela Persico incinta di Rugani: “Ora ho paura per il bambino” (foto Instagram)

TORINO – Michela Persico, fidanzata di Daniele Rugani, è risultata positiva al coronavirus. Rugani è stato il primo calciatore del campionato italiano di calcio di Serie A a risultare positivo al coronavirus.

Il primo ma non l’ultimo visto che poco dopo sono stati trovati positivi anche calciatori di Sampdoria, Fiorentina e Verona. Anche la Juve ha appena comunicato un secondo caso, la positività di Matuidi. 

Le dichiarazioni rilasciate da Michela Persico a “Chi” sono riportate da tuttosport.com.

“Non riesco ancora nemmeno a parlarne. Ma al momento devo capire cosa succederà – dice la Persico a Chi -. Spero che il virus non incida sulla gravidanza. I medici mi hanno assicurato che non dovrebbero esserci problemi. Ma mettetevi nei miei panni: ho una paura infinita”.

Michela Persico ha parlato di come tutto è iniziato, dalla positività del fidanzato Daniele Rugani.

“Daniele non aveva sintomi – racconta – poi improvvisamente due linee di febbre, quasi niente, ma è partito il controllo. Positivo. Ma stava bene”

Infine, la Persico ha parlato delle sue condizioni di salute.

“Non ho sintomi, sono sola, al momento non posso vedere nessuno. Ma ce la farò”.

Ieri la Persico aveva comunicato la sua positività al coronavirus attraverso un post su Instagram ma non aveva svelato di essere incinta.

“Esito positivo ma asintomatica! Ciao ragazzi ho appena avuto l’esito ma ci tenevo a rassicurarvi sulla mia salute, sto bene ! E a ringraziarvi di cuore per il vostro affetto!.

Non ho alcun sintomo, questo per dirvi che ci possono essere anche casi come il mio che nella sfortuna sono fortunati, possono stare in casa tranquilli e se sale un pochino la febbre, prendere la tachipirina e tutto passa.

Vi volevo rassicurare quindi sulla mia situazione e quella di Daniele, siamo positivi ma asintomatici. D’altra parte, stando alla mia esperienza, vi raccomando di stare a casa e uscire per motivi strettamente necessari.

Io ne sono l’esempio, si può essere positivi senza saperlo. Ragazzi stiamo attenti, rispettiamo le norme e vedrete che riusciremo a sconfiggere insieme questo brutto ricordo”.