Coronavirus, caso Napoli-Empoli. L’Asl Napoli 1 ha bloccato cinque tesserati dell’Empoli ma il club non ci sta: “Tutti i tamponi erano negativi”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 13 Gennaio 2021 18:54 | Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2021 18:54
Coronavirus, caso Napoli-Empoli. L'Asl Napoli 1 ha bloccato cinque tesserati dell'Empoli ma il club non ci sta: "Tutti i tamponi negativi"

Coronavirus, caso Napoli-Empoli. L’Asl Napoli 1 ha bloccato cinque tesserati dell’Empoli ma il club non ci sta: “Tutti i tamponi erano negativi” (Dionisi nella foto da video)

L’Asl Napoli 1 ha bloccato cinque tesserati dell’Empoli, venuti a contatto con un positivo al coronavirus, che non hanno potuto giocare la partita di Coppa Italia contro il Napoli. 

La decisione è stata presa perché questi cinque tesserati erano venuti a contatto con un positivo al coronavirus e non avevano ancora terminato l‘isolamento obbligatorio.

Ma l’Empoli ha fatto sapere che questi cinque tesserati sono risultati negativi all’ultimo giro di tamponi effettuato.

Aggiornamento dell’articolo delle ore 18.54.

Coronavirus, caso Napoli-Empoli. L’Asl Napoli 1 ha bloccato cinque tesserati dell’Empoli. Il comunicato del club toscano

“Empoli FC comunica che i calciatori Leonardo Mancuso, Roberto Pirrello.

Szymon Zurkowsi, il tecnico Alessio Dionisi e un componente dello staff sono stati posti in quarantena dall’Asl Napoli 1 nell’hotel dove la squadra ha soggiornato dalla serata di ieri.

La quarantena si è resa necessario su segnalazione del ministero della salute in quanto i cinque, sul volo Lamezia-Bolgona di lunedì 4 gennaio, sono stati a stretto contatto con una persona risultata positiva e presente sul volo.

Empoli FC tiene a precisare che i cinque, come l’intero il gruppo squadra è stato sottoposto, dopo il volo precedentemente citato, a quattro cicli di tamponi, l’ultimo dei quali questa mattina, che hanno dato tutti esito NEGATIVO.

Come da indicazione ministeriali, i tre calciatori, il tecnico e il membro dello staff dovranno rimanere in quarantena fino a  giovedì 14 gennaio, quando scadranno i dieci giorni dal contatto e faranno regolarmente rientro ad Empoli” (fonte sito Empoli).