Coronavirus, Parma: i calciatori rinunciano a un mese di stipendio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Aprile 2020 13:20 | Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2020 13:20
Coronavirus, Parma: i calciatori rinunciano a un mese di stipendio

Coronavirus, Parma: i calciatori rinunciano a un mese di stipendio (foto Ansa)

PARMA – Il Parma ha trovato l’accordo sul taglio degli stipendi dei tesserati che rinunceranno a una mensilità.

Dopo la Juve quello emiliano è il secondo club di Serie A ad aver raggiunto l’intesa sulla riduzione degli ingaggi.

“Il Parma – rende noto la società – ha ricevuto da parte dei propri tesserati (allenatore, staff prima squadra, direttore sportivo, collaboratori e la totalità dei giocatori) l’unanime disponibilità alla riduzione dell’emolumento annuo – in misura di una mensilità onnicomprensiva – alla luce dell’emergenza sanitaria che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva e causando già ora ingenti danni economici alla società”.

Coronavirus, quando Gravina elogiò i calciatori della Juventus per il taglio degli stipendi.

“L’accordo raggiunto dalla Juve è un esempio per tutto il sistema – ha detto il presidente della Figc Gravina commentando l’intesa tra club, giocatori e tecnici bianconeri vista l’emergenza Coronavirus -. 

Ringrazio Giorgio Chiellini, i suoi compagni e Maurizio Sarri perché nel solco della collaborazione che la Federazione auspica da giorni, hanno posto l’interesse generale al centro della loro interlocuzione con il club.

L’unità e la solidarietà nel mondo del calcio rappresentano la prima grande risposta all’emergenza che stiamo vivendo e che rischia di essere ancor più grave se non dovessimo tornare a giocare.

Solo attraverso il contributo di tutti i protagonisti, ognuno per la sua parte, renderemo il calcio più forte” (fonti Ansa e Il Corriere dello Sport).