Coronavirus, Sarri ha donato quattromila mascherine al Comune di Figline e Incisa Valdarno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Aprile 2020 18:13 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2020 18:13
Coronavirus, Sarri ha donato quattromila mascherine al Comune di Figline e Incisa Valdarno

Coronavirus, Sarri ha donato quattromila mascherine al Comune di Figline e Incisa Valdarno (foto Ansa)

ROMA – Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, è sceso in campo contro il coronavirus.

Sono circa quattromila le mascherine che l’allenatore della Juventus Maurizio Sarri, insieme a sua moglie Marina Pazzaglia al figlio Nicolè e ai loro amici, hanno deciso di donare al Comune di Figline e Incisa Valdarno (Firenze), dove il tecnico bianconero ha vissuto in gioventù, per sostenere la loro comunità durante l’emergenza sanitaria in corso.

Lo rende noto l’Amministrazione comunale.

Una parte è già stata consegnata e distribuita ai volontari della Protezione civile, ai dipendenti comunali, delle farmacie e degli uffici postali e a tutti coloro che continuano a lavorare in emergenza, per assicurare servizi essenziali alla cittadinanza.

Lo stesso criterio di distribuzione sarà adottato nei prossimi giorni, in occasione della seconda tranche di consegna.

“Si tratta dell’ennesimo gesto di solidarietà, di vicinanza e di affetto che ci arriva in questi giorni particolarmente difficili – commenta il sindaco Giulia Mugnai -, ma che dimostra che uniti e rispettando le regole riusciremo a superare l’emergenza sanitaria in corso.

Ringrazio, quindi la famiglia Sarri e i loro amici per questo gesto di grande sensibilità”.

Anche la Fiorentina è scesa in campo contro il coronavirus, ha donato 200mila euro alla Fondazione Santa Maria Nuova.

La Fiorentina ha donato 200mila euro alla Fondazione Santa Maria Nuova. I fondi, spiega una nota, sono stati destinati all’acquisto di un ecografo di fascia alta per l’ospedale di Santa Maria Nuova, già in consegna questa settimana, e altre attrezzature.

Sono stati acquistati anche ventilatori per le auto-mediche, indispensabili per il trasporto di persone intubate.

Sono intanto arrivati e già consegnati i dieci letti attrezzati per la terapia sub intensiva del reparto di cardiologia dell’ospedale di Santa Maria Nuova, acquistati grazie anche all’altra donazione fatta dal patron viola Rocco Commisso di 125 mila euro.

Alla costituzione della nuova area ha contribuito anche Paolo Fresco, presidente della Fondazione Fresco Parkinson Institute Italia Onlus, con 150 mila euro.
  
  “Ringraziamo la Fiorentina e il suo presidente Commisso per questo nuovo, importante contributo – ha commentato il presidente della Fondazione Santa Maria Nuova, Giancarlo Landini -.

Siamo orgogliosi e onorati di raccogliere e concretizzare la solidarietà di tanti, privati e associazioni, che vogliono dare un mano a superare questa emergenza. L’obiettivo è essere sempre più veloci, per garantire la disponibilità in corsia di strumenti necessari nel più breve tempo possibile”.

Sempre grazie all’intervento del presidente Commisso e della raccolta fondi della Fiorentina, la Fondazione Santa Maria Nuova ha ricevuto nei giorni scorsi un’ulteriore donazionedi 22 mila euro da parte della Giambelli Foundation.
   
Ad oggi, la Fondazione Santa Maria Nuova ha raccolto 1,8 milioni di euro destinati all’acquisto di strumenti e dispositivi indicati come prioritari dalle stesse strutture della Usl Toscana Centro. (fonte ANSA).