Coronavirus, Spezia-Pescara: ecco perché si è giocata a porte aperte

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2020 15:40 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2020 15:40
Coronavirus, Spezia-Pescara: ecco perché si è giocata a porte aperte

Coronavirus, Spezia-Pescara: ecco perché si è giocata a porte aperte (foto Ansa)

LA SPEZIA – Nel giorno in cui veniva ufficializzata la chiusura degli eventi sportivi fino al prossimo 3 aprile, la partita di calcio di Serie B tra lo Spezia ed il Pescara si è giocata regolarmente a porte aperte. In molti si sono chiesti il perché. La risposta è semplice, la decisione è stata presa a ridosso della partita e sarebbe diventata effettiva solamente il giorno seguente. In questo modo, Spezia-Pescara è stata l’ultima partita italiana che si è giocata a porte aperte. 

Coronavirus, Spezia-Pescara ultima partita giocata a porte aperte. I padroni di casa hanno vinto per 2-0. 

Per la cronaca, lo Spezia ha battuto il Pescara per 2-0 (0-0) nel posticipo della 27/a giornata del campionato di Serie B.
    Padroni di casa in vantaggio su autorete di Scognamiglio al 49′.
    2-0 firmato da Gyasi al 60′. 

 Risultati della 27/a giornata del campionato di serie B di calcio.
    Cosenza-Cittadella 1-2; Cremonese-Empoli 2-3; Crotone-Pisa 1-0; Livorno-Frosinone 2-2; Perugia-Benevento 1-2; Pordenone-Juve Stabia 2-1; Salernitana-Venezia 2-0; Trapani-Entella 4-1; Ascoli-Chievo e Spezia-Pescara 2-0.

La classifica del campionato italiano di calcio di Serie B: Benevento 66 punti; Frosinone 47; Crotone 46; Spezia 44 Cittadella 43; Salernitana e Pordenone 42; Empoli 39; Chievo 37; Pescara ed Entella 35; Pisa, Perugia e Juve Stabia 33; Venezia 32; Ascoli 31; Cremonese 27; Cosenza e Trapani 24; Livorno 18. (fonte ANSA).