A Cortina è tempo di coppa del mondo di sci femminile

Pubblicato il 13 Gennaio 2011 6:28 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2011 17:45

Tre giorni di gare (a cui si aggiungono altre due giornate dedicate alle prove della discesa libera) sulle piste di Cortina che richiameranno appassionati da tutto il Nord Italia, ma anche appassionati da Austria e Svizzera, dove lo sci alpino e’ sport nazionale, oltre che da Germania, Francia, Slovenia, Croazia e Stati Uniti. Sara’ una settimana intensa e ricca di emozioni quella che vivra’ la ‘Regina delle Dolomiti’, dal 17 al 23 gennaio, in occasione delle gare di Coppa del Mondo femminile. Un evento che si ripete per il quindicesimo anno consecutivo, nel tradizionale appuntamento collocato nel terzo week-end di gennaio. Il programma originario prevedeva solamente due gare veloci, ma nella conca ampezzana verra’ recuperato anche il supergigante annullato due volte (a St. Moritz l’11 dicembre e a Val d’Isere sei giorni dopo) a causa del maltempo.

Tra il 17 e 18 e’ previsto l’arrivo alla spicciolata delle varie rappresentative, mentre le giornate di mercoledi’ e giovedi’ saranno dedicate alle prove ufficiali cronometrate per la gara di discesa, con tutte le specialiste che affronteranno lo spettacolare tracciato dell’Olympia delle Tofane: una pista considerata dagli addetti ai lavori, oltre che dalle stesse atlete, una delle migliori e piu’ tecniche del ”circo bianco”. Venerdi’ 21 si disputera’ il supergigante di recupero, sabato la discesa libera e domenica il supergigante che gia’ era in calendario. La ”tre giorni” sciistica fara’ di Cortina d’Ampezzo la capitale dello sci alpino, mettendo in palio punti importanti per la Coppa del Mondo ma sara’ anche tappa decisiva per la composizione delle varie nazionali in vista dei campionati mondiali 2011 che si disputeranno dal 30 gennaio al 5 febbraio nella localita’ svizzera di Crans-Montana. Nelle tribune e a bordo pista, tra campanacci e bandiere, trombe e striscioni personalizzati, i fans delle varie nazionali faranno festa assieme, come si conviene nell’ambiente dello sci alpino.