Cristiano Ronaldo alla Juventus, Sacchi: “Bene per la Serie A ma quello stipendio…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2018 21:49 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2018 21:49
Cristiano Ronaldo alla Juventus, Sacchi: "Bene per la Serie A ma quello stipendio..."

Cristiano Ronaldo alla Juventus, Sacchi: “Bene per la Serie A ma quello stipendio…”
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

MILANO – “Non eravamo più abituati ad avere i migliori giocatori in Italia e Ronaldo è forse il migliore, sicuramente è tra i primi due giocatori più forti al mondo. Complimenti alla Juventus, quest’operazione farà bene alla Juve ma anche al calcio italiano”. Parola di Arrigo Sacchi in collegamento da Mosca con Canale 5 a ‘Mondiali Mediaset’ [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Che messaggio dà la Juventus con questo acquisto? ”Cristiano Ronaldo oltre a essere un grande giocatore – aggiunge Sacchi – è un grande professionista. La Juventus è una grandissima società che sa fare molto bene i conti e non ho dubbi che questa sia un’operazione ben fatta”.

”L’unico dubbio che ho – avverte l’ex Ct – è che la Juventus in questi anni ha sempre avuto una forte leadership come società, gli stipendi erano diversi ma le regole sono sempre state uguali per tutti e questo deve succedere anche con Ronaldo, altrimenti potrebbero sorgere dei problemi all’interno dello spogliatoio che è sempre stato diretto magistralmente dalla società e da Allegri che ha fatto un lavoro straordinario.

L’acquisto di Ronaldo significa che la Juventus punta al sogno di tutti i juventini: vincere la più grande competizione al mondo, quella che ti identifica, che ti fa fare il salto di qualità, che ti fa ricevere molti soldi e ti permette di moltiplicare il tuo prestigio”.

CLICCA QUI per il tabellone completo dei Mondiali.

Tutti i gironi dei Mondiali:

  • Gruppo A: Russia, Arabia Saudita, Egitto e Uruguay.
  • Gruppo B: Portogallo, Spagna, Marocco e Iran.
  • Gruppo C: Francia, Australia, Perù e Danimarca.
  • Gruppo D: Argentina, Islanda, Croazia e Nigeria.
  • Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia.
  • Gruppo F: Germania, Messico, Svezia e Corea del Sud.
  • Gruppo G: Belgio, Panama, Tunisia e Inghilterra.
  • Gruppo H: Polonia, Senegal, Colombia e Giappone.