Cristiano Ronaldo, mai così male in Champions League negli ultimi 10 anni

di Giulio Riccardi
Pubblicato il 22 febbraio 2019 10:03 | Ultimo aggiornamento: 22 febbraio 2019 10:03
cristiano ronaldo champions

Cristiano Ronaldo, mai così male in Champions League negli ultimi 10 anni

ROMA – La sconfitta con l’Atletico Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions League non è andata giù a molti tifosi della Juventus. Molti dei quali si stanno chiedendo che fine abbia fatto Cristiano Ronaldo, il fuoriclasse che era stato acquistato per fare la differenza soprattutto in Europa e che invece, numeri alla mano, sta disputando la peggior stagione europea dal 2008-2009, l’ultima in cui vestì la maglia del Manchester United.

La Juve si aspettava di più da Cristiano Ronaldo fuori dal confine italiano e lui stesso sa che, se non tornerà a essere se stesso in fretta, vedrà sparire sia la possibilità di vincere il sesto Pallone d’Oro e la sesta Champions League, quest’ultima impresa riuscita solo a Francisco Gento che vinse sei Coppa dei Campioni con la maglia del Real Madrid (1956, 1957, 1958, 1959, 1960, 1966).

Sono passati 10 anni dall’ultima volta in cui CR7 aveva segnato di meno rispetto a ora dopo 6 partite di Champions. Correva come detto il 2008-09 e quella era la sua ultima stagione con i Red Devils prima del trasferimento da 94 milioni al Real. Cristiano rimase a secco nelle prime 6 gare in Europa e chiuse quell’edizione con 4 centri perdendo in finale a Roma contro il Barcellona di Guardiola e Messi.

Aveva segnato poco anche nel 2006-07 e nei primi anni della sua carriera, ma quello non era ancora il CR7 che tutti conosciamo, sia perché era giovane sia perché giocava esterno e sottoporta non era così spietato come dopo il trasferimento a Madrid.

Impietoso il confronto tra il rendimento attuale e quello delle nove stagioni passate con la maglia dei blancos. La stagione che è si avvicina più all’attuale è la 2016-17: allora aveva all’attivo 2 centri dopo 6 match, ma poi chiuse alzando la Coppa dalle grandi orecchie con uno score personale di 12 reti. Dagli ottavi alla finale infatti fu fenomenale. Quello che si augurano società e tifosi bianconeri.