Cristiano Ronaldo e il presunto stupro, ma la versione di un tassista…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 ottobre 2018 7:38 | Ultimo aggiornamento: 8 ottobre 2018 18:46
cristiano ronaldo

Cristiano Ronaldo e il presunto stupro, ma un tassista lo scagiona

LONDRA – Cristiano Ronaldo ancora nell’occhio del ciclone: dopo le accuse di presunta violenza sessuale subita da Kathryn Mayorga nel 2009, spunta una seconda donna che sostiene di essere stata vittima del calciatore. 

La nuova accusatrice, afferma di aver avuto un rapporto sessuale non consensuale nel 2005 quando CR7 giocava nel Manchester United ma, secondo quanto riportato dal Daily Mail, la testimonianza di un tassista scagionerebbe Ronaldo.

Vince Humphrey avrebbe riportato a casa la donna che aveva trascorso la serata con il calciatore in un hotel a 5 stelle, il Sanderson Hotel a Marylebone, Londra.

Ha affermato che la donna dopo aver lasciato la stanza del giocatore del Real Madrid, sul taxi “ridacchiava” e aveva descritto il fantastico “corpo di Ronaldo”, come riportato dal Sun.

“Quando qualche giorno dopo ho sentito che la ragazza voleva denunciarlo sono rimasto scioccato” ha dichiarato Humphrey che nel 2005 aveva rilasciato una dichiarazione alla polizia e la Procura aveva chiuso il caso contro Ronaldo. 

Alla luce delle accuse della Mayorga, la polizia sta ora affrontando pressioni per riaprire il caso, scrive il Daily Mail. 
Nel 2010 Ronaldo ha stipulato un accordo extragiudiziale di 375.000 dollari in cambio del silenzio sull’accaduto e Mayorga sostiene di essere stata “costretta” a firmarlo. 

L’avvocato della Mayorga, Leslie Stovall, ha affermato di essere stato contattato da un’altra donna che “dichiara di aver avuto un’esperienza analoga”.

Tra le ex di Ronaldo ci sono nomi famosi come Kim Kardashian, Paris Hilton e la top model Irina Shayk ma nulla indica che abbia mai aggredito una di loro. 

Le accuse comportano una serie di problemi anche per le sponsorizzazioni: la Nike, azienda con cui il bomber portoghese ha firmato un contratto per 1 miliardo di dollari, ha dichiarato di essere “profondamente preoccupata”. Quando è stata resa pubblica l’accusa di stupro le azioni del celebre marchio USA sono calate.