De Laurentiis: “De Rossi? Per me Pallotta ha venduto la Roma…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 maggio 2019 16:19 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2019 16:21
De Laurentiis: "De Rossi? Per me Pallotta ha venduto la Roma..."

De Laurentiis: “De Rossi? Per me Pallotta ha venduto la Roma…”. Foto ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA – Show di Aurelio De Laurentiis. Come sempre, il patron del Napoli non ha usato giro di parole per esprimere le sue idee calcistici. Il numero uno della società campana ha parlato dei due casi del giorno, l’addio di Massimiliano Allegri alla Juventus e la separazione tra la Roma e Daniele De Rossi dopo ben 18 anni. Secondo De Laurentiis, dietro l’addio di De Rossi ci sarebbe la vendita del club da parte di Pallotta. Sempre secondo il patron del Napoli, Sarri potrebbe prendere il posto di Allegri sulla panchina della Juventus. 

De Laurentiis: “Sarri-Juve non mi stupirebbe. Addio De Rossi è un giallo”.

Se Maurizio Sarri dovesse approdare sulla panchina della Juventus, dopo l’addio di Massimiliano Allegri, il primo a non sorprendersi sarebbe il suo ex patron al Napoli, Aurelio De Laurentiis. Lo fa sapere il diretto interessato a Sky, ospite degli degli Internazionali d’Italia di tennis. “Non mi sono stupito quando a passare alla Juventus fu Higuain, non lo farei nemmeno a questo giro. Anzi, sarebbe divertente”, ha commentato De Laurentiis.

Le dichiarazioni di Aurelio De Laurentiis su Daniele De Rossi e James Pallotta sono riportate dal Corriere dello Sport nella sua edizione online. «De Rossi? Io lo prenderei subito al Napoli uno così, al di là di qualsiasi problema fisico o anagrafico. E’ uomo di sport e troverà la sua strada e sarà ancora vincente come è stato per tutta la sua vita. La sua vita è il calcio ed è giusto che uno come lui il calcio non lo abbandoni».

5 x 1000

«Penso che l’addio di De Rossi sia un giallo   e me lo sono spiegato solo pensando che magari hanno già venduto la Roma, con degli accordi su un rinnovamento completo. Altrimenti – conclude – lo troverei uno sbaglio di tempi pazzesco».