Del Piero, il jolly prepensionato: “Parleremo, magari resterò alla Juve”

Pubblicato il 27 Marzo 2012 10:35 | Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2012 10:36

Alessandro Del Piero (Lapresse)

TORINO –  Del Piero a ttuto campo e anche oltre. E’ il numero dieci il vero valore aggiunto della Juventus, c’è la sua firma nella settimana perfetta dei bianconeri. Due gol in cinque giorni: uno al Milan per conquistare la finale di Coppa Italia, uno all’Inter (il primo in campionato) per dare ancora un senso alla rincorsa scudetto ai rossoneri.

Prepensionato anticipatamente in autunno, Alex ha risposto a modo suo nel passaggio clou della stagione. Classe, carisma, energia, gol. Ha atteso il suo momento, ha aspettato le occasioni che Conte gli ha concesso senza alzare la voce. Da capitano (spesso) non giocatore in campionato, titolare fisso in Coppa Italia, ha ricoperto un ruolo fondamentale nello spogliatoio. Ruolo riconosciutogli dallo stesso allenatore e da un altro senatore, Gigi Buffon, altro grande protagonista che ha rimarcato la sua grande professionalità.

E siccome non avrebbe avuto senso una Juve nuovamente competitiva e vincente senza Del Piero protagonista, ecco la scintilla del campione che scrive un altro capitolo del suo straordinario romanzo bianconero. ”Il ritorno in Champions? Ce lo auguriamo, ma dobbiamo aspettare le prossime gare – sottolinea Alex – Pensare partita dopo partita è ciò che ci ha permesso di fare un cammino fino a oggi ottimo: siamo aggrappati allo scudetto, siamo in finale di Coppa Italia, sono sicuramente delle grandi soddisfazioni. La nostra ambizione deve essere grande, dobbiamo pensare in grande e ci auguriamo di poter gioire a fine campionato per qualcosa di importante”.

Con un Del Piero così, niente è impossibile. ”Adesso il mio ruolo cambia? A questa domanda può rispondere solo Conte – rileva il capitano – Io farò ciò che ho fatto finora, preparerò al massimo ogni gara, pensando di giocare. Non voglio cambiare niente di tutto ciò ma concentrarmi sulla prossima tappa. Se poi giocherò di più sarò felicissimo”.

Un Del Piero infinito, anche se il suo matrimonio con la Juve è destinato a concludersi a giugno. E allora tornano gli interrogativi. E’ stato giusto annunciare già in autunno che questa sarebbe stata la sua ultima stagione in bianconero? Perchè non concedergli un altro anno, visto che, quasi certamente, l’anno prossimo ci sarà la ribalta della Champions League? Il termometro del web dice che i tifosi, letteralmente impazziti per il loro capitano, hanno già votato in suo favore e confidano in un gesto del presidente Agnelli.

Giorgio Chiellini ribadisce che ”ci sarà tempo per lui e la società di parlarsi e prendere una decisione insieme”. Si riaprirà il tormentone? Del Piero, intanto, mantiene la linea di sempre: ”Il mio futuro è il Napoli domenica prossima, per gli altri discorsi ci saranno tempi e modi, ma non sono d’attualità. L’anno scorso ho fatto il mio dovere, ho firmato in bianco”. ”Personalmente – aggiunge Alex – cerco di non lasciare niente al caso e di concentrarmi non certo su quelle che sono parole e scelte che sono state fatte o dette fino a oggi perchè la mia carriera non deve essere inquinata da niente. Non voglio essere un problema, voglio stare bene, segnare e giocare”.