Dele Alli, la storia travagliata del centrocampista dell’Inghilterra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 luglio 2018 7:10 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2018 18:37
Dele Alli

Dele Alli, la storia travagliata del centrocampista dell’Inghilterra

LONDRA – Dele Alli, centrocampista dell’Inghilterra, a soli 22 anni è l’eroe del momento: è infatti l’autore della rete del 2-0 contro la Svezia nei quarti di finali dei Mondiali. Ruby Mae, la fidanzata 23enne della star del Tottenham  ha pubblicato una foto su Instagram in cui è insieme alla famiglia adottiva: [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Alan e Sally Hickford, una coppia del Northamptonshire, e il figlio di 22 anni, Harry. L’hanno raggiunto in Russia, hanno fatto il lungo viaggio per lui, per supportarlo: sono il suo mondo e lui il loro.

Mentre Denise, la mamma naturale, è rimasta nella casa popolare a Milton Keynes, e il padre a Houston, in Texas, il giovane calciatore è con la famiglia che ha scelto: gli Hickford. Due anni fa prese la decisione di togliere il cognome “Alli” sulla maglia e ora c’è scritto semplicemente Dele, il suo nome.

Ha scelto di parlare poco della famiglia d’origine, dicendo soltanto che è “complicato”. Ma con tutta la Nazione che tiferà per lui, forse è il momento giusto per riflettere sulla grinta che ha dimostrato Dele e anche sulla famiglia adottiva il cui sostegno e amore hanno avuto un ruolo importante nel suo successo, scrive il Daily Mail.

Bamidele Jermaine Alli è nato nell’aprile 1996 da Denise e Kehinde, Kelly, Alli, un uomo d’affari nigeriano. Kenny era nel Regno Unito per prendere una specializzazione post-laurea. La coppia si è separata una settimana dopo la nascita di Dele, Kenny si è trasferito in America e si è risposato.

Denise, che aveva già avuto due figlie da altri due uomini, ha cresciuto la famiglia in una casa popolare a Bradwell, un quartiere difficile di Milton Keynes. Sette anni dopo la nascita di Dele, ha avuto un altro figlio da un quarto uomo e, ancora una volta, la relazione si è conclusa.

Ma la vita di Dele iniziò presto a diventare, come lui stesso sostiene, complicata. Ad un certo punto è andato a vivere in Nigeria con il padre ma a 11 anni è tornato a Bradwell, dove in strada dava calci al pallone, giocava con gli amici e usavano le biciclette come pali per la porta. Si è unito in seguto al club MK Dons, dove il talento è stato notato da Mike Dove, capo della sezione giovanile.

Il migliore amico di Dele alla scuola secondaria di Radcliffe a Wolverton era il figlio del costruttore Harry Hickford. Li accomunava l’amore per il calcio e hanno giocato nelle stesse squadre. Ma in quel periodo la mamma lottava contro l’alcolismo, anche se di recente lo ha negato, e un allenatore ricorda che la situazione in casa di Dele era talmente caotica che spesso faticava a presentarsi agli allenamenti. A 13 anni, fu trovata una soluzione: si è trasferito con i genitori di Harry Hickford, Alan e Sue, nel sobborgo borghese di Cosgrove, nel Northamptonshire, a circa 10 km dalla madre.

Denise, che ora lavora come addetta alle pulizie, ha detto che è stata una decisione dolorosa ma era quella giusta per dare al figlio “un futuro migliore”, avrebbe realizzato il sogno di diventare un calciatore professionista. “È stato difficile rinunciare a mio figlio, ma si è rivelata la sua salvezza”. Dele in un’intervista ha detto:”Sono stato molto fortunato ad aver incontrato persone che mi hanno aiutato nei momenti difficili e a diventare ciò che sono”.

Nel 2015, quando ha firmato il contratto con il Tottenham per 5 milioni di sterline, i genitori naturali non erano presenti e tuttora i tentativi di Denise e di Kelly di vedere il figlio sono stati respinti, ha qualche contatto con le sorellastre Barbara e Becky.

Le fonti indicano che è stato finanziariamente generoso con la famiglia ma sentiva che aveva bisogno di tagliare il cordone. E’ diventato invece sempre più stretto il legame con gli Hickins e fino a poco tempo ha vissuto nella loro casa.

Harry Hickford, che Dele definisce un “fratello”, ora è il suo manager e vive con lui in un’abitazione da 2,25 milioni di sterline nell’Hertfordshire. Alan è un direttore di Dele Alli Promotions Limited, istituito per gestire i proventi del calciatore dalla sponsorizzazione.

Sebbene non ci sia stata un’adozione formale, Dele considera la coppia che lo ha accolto come i veri genitori.
Ora sembra sia in trattativa con il Real Madrid che, secondo quanto riferito, sta offrendo 50 milioni di sterline ma gli Spurs avrebbero fatto una controproposta di 100.000 sterline a settimana. Come molti altri sportivi, è superstizioso, indossa ancora gli stessi parastinchi che aveva a 11 anni, e muove sempre prima la gamba destra e poi la sinistra.