Diego Velardo, il pugile che rinuncia al ring: “Non sono un vigliacco”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 settembre 2014 10:23 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2014 10:27
La locandina dell'incontro

La locandina dell’incontro

ROMA – Si chiama Diego Velardo il pugile di Ciampino che sabato sera ha rinunciato a combattere per il titolo vacante dei supermedi contro Andrea Di Luisa.

Mancavano pochi minuti all’inizio dell’incontro quando Diego Velardo ha deciso di chiudersi prima in bagno, poi nello spogliatoio rinunciando così alla sfida.

Alla fine l’arbitro ha deciso di assegnare a tavolino il titolo a Di Luisa.

“Non sono un vigliacco e non mi sono mai tirato indietro nella mia carriera, sia da dilettante arrivando anche alla nazionale, che da pro” dice Velardo, intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Allora come è maturato questo rifiuto che ha colto tutti alla sprovvista?
“È stato il punto di arrivo di un mese di incertezze, può sembrare strano perché parlo di persone che mi conoscono da tempo, in particolare il maestro che mi segue da sempre Massimo Ardu e poi Marcello Paciucci il mio manager. Loro non se ne sono accorti”.
Perché non ha rivelato prima questo disagio?
“Forse ho sbagliato, sicuramente è colpa mia. Volevo fare delle esperienze; combattere subito per il tricolore è stato un passo probabilmente troppo lungo, e non ero maturo dal punto di vista mentale”.