Verdetti Serie A: Udinese in Champions, Lecce in B, salvo il Genoa

Pubblicato il 13 Maggio 2012 22:57 | Ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2012 23:02

Tifosi della Juventus (LaPresse)

Roma – I verdetti del campionato italiano di calcio 2011/2012. I campioni d’Italia della Juventus e il Milan disputeranno la prossima Champions League.

L’Udinese parteciperà ai preliminari di Champions League. Lazio e Napoli disputeranno l’Europa League mentre l’Inter parteciperà ai preliminari di Europa League.

Cesena, Novara e Lecce sono retrocesse in Serie B. Il Genoa ha ottenuto la salvezza all’ultima giornata grazie al successo sul Palermo.

La festa scudetto, gli addii e le lacrime, il gol di Inzaghi e i saluti nel giorno delle 300 partite col Milan. L’Udinese terza che si prende la Champions, il Lecce in B. Soprattutto, Alessandro Del Piero. Il ‘capitano’. La serie A saluta,  ed e’ il giorno dell’emozione.

L’ultima volta di ‘Pinturicchio’ davanti al suo pubblico, nel suo stadio – prima della finale di Coppa Italia domenica prossima a Roma – e’ un concentrato di 19 anni di gol, amori, sofferenze, trionfi.

Il 10 parte titolare, segna un gol a giro dei suoi, e quando esce al 13′ del secondo tempo e’ un passerella senza fine.

I compagni giocano con l’Atalanta una partita buona sola per stabilire il record di uno scudetto da squadra imbattuta, e lui cammina tutto attorno al campo e si prende applausi e affetto di uno stadio tutto per lui. Anche John Elkann, anche Andrea Agnelli: il presidente a meta’ stagione aveva decretato l’addio del n.10, stasera ha applaudito anche lui e ha reso omaggio alla fine:

”E’ stato e sara’ sempre il nostro capitano”, il saluto finale. ”Come Platini e Boniperti”, la parole di John Elkann, che pero’ ha escluso qualsiasi ripensamento.

Ora sara’ estero, Inghilterra o Stati Uniti. Al Milan no, assicura Galliani. Ma non e’ ancora tempo di smettere. La pensa allo stesso modo Inzaghi, gol vittoria e lacrime al Meazza nelo giorno delle sue 300 partite rossonere.

”Ho ancora voglia di giocare”. A Milan, nel giorno di Milan-Novara 2-1, salutano anche Rino Gattuso, Alessandro Nesta, Gianluca Zambrotta. Finisce insomma un ciclo, una generazione saluta.    L’Udinese corona un anno d’oro, 2-0 in casa del Catania ed e’ terzo posto: fara’ i preliminari Champions. Di gran pregio il primo gol di Di Natale, fresco di convocazione per gli Europei in un gruppone di 32 – da sfoltire a 23 – in cui c’e’ anche Verratti, anima del Pescara di Zeman.

Alla Lazio la sfida con l’Inter (3-1 dopo il rigore di Milito), ma e’ solo quarto posto. Il quinto se lo prende il Napoli (2-1 al Siena con doppietta di Dossena). Andranno in Europa League, come l’Inter che pero’ partira’ dai preliminari a inizio agosto.     La sfida salvezza se l’aggiudica il Genoa: 2-0 al Palermo in uno stadio Ferraris vuoto, ed e’ salvezza. Va in B il Lecce, sconfitto 1-0 dal Chievo. Firenze saluta invece un anno maledetto, oltre lo 0-0 col Cagliari c’e’ la richiesta di Zeman che il pubblico viola rivolge alla societa’.

‘Lui o Ranieri? Decidero’ con calma”, dice Andrea Della Valle, fischiato allo stadio.

Parla italiano anche la Premier League: Roberto Mancini vince uno scudetto batticuore, il suo primo all’estero, con una rimonta del Manchester City sul Queen Park Rangers da 1-2 a 3-2 nei minuti di recupero. L’assist del gol vittoria di Aguero arriva dai piedi di Balotelli. Ed e’ un passaggio di testimone perfetto per l’Europeo alle porte.

JUVENTUS-ATALANTA 3-1 Marrone 11′ (J), Del Piero 29′ (J), autogol di Lichtsteiner 84′ (A), Andrea Barzagli 91′ (J). 
Juventus (4-3-3): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Estigarribia; Padoin, Pirlo, Marrone; Giaccherini, Borriello, Del Piero.
A disposizione: Buffon, Barzagli, Marchisio, Pepe, Quagliarella, Matri, Vucinic. All.: Conte.
Squalificati: Vidal (1)
Indisponibili: De Ceglie

Atalanta (4-4-1-1): Frezzolini; Bellini, Lucchini, Manfredini, Peluso; Schelotto, Carmona, Cazzola, Bonaventura; Moralez; Denis.
A disposizione: Polito, Ferri, Raimondi, Cigarini, Mutarelli, Gabbiadini, Tiribocchi. All.: Colantuono.
Squalificati: Stendardo (2), Doni (fino a febbraio 2015)
Indisponibili: Brighi, Marilungo, Capelli, Consigli

Nel giorno in cui la Juve festeggia lo scudetto, il 30esimo sul campo, il 28esimo effettivo, Alessandro Del Piero si prende da solo la scena. Il capitano bianconero gioca la sua ultima partita ufficiale da giocatore della Juve a Torino, segna il gol numero 178 in serie A e quando viene richiamato in panchina da Conte riceve la standing ovation di tutto lo Juventus Stadium.

Non solo, ma a partita ancora in corso si produce in un giro di campo per salutare i tifosi, che non ha precedenti nell storia del calcio italiano. Una gara senza storia, come ampiamente previsto, con Conte che schiera una formazione rimaneggiata anche in vista della finale di Coppa Italia contro il Napoli di domenica prossima.

Juve che risolve la partica in meno di mezzora: sblocca il risultato al 10′ il baby Luca Marrone con un gan destro da dentro l’area su tacco di Borriello. Al 26′ raddoppio di Del Piero con un preciso destro dal limite su assist di Giaccherini. Nella ripresa è solo passerella, con l’intermezzo dalla festa a Del Piero.

Nel finale, l’Atalanta accorcia le distanze con un autorete di Lichtsteiner. Passano 2′ e su calcio di rigore Andrea Barzagli fissa il risultato sul 3-1 per la Juve. Una curiosità, con le reti di Marrone e del difensore centrale, salgono in totale a 20 i giocatori della Juventus ad aver segnato almeno un gol quest’anno. All’appello mancano di fatto solo i tre portieri. Unico neo nella giornata di festa l’infortunio patito da Giorgio Chiellini.

MILAN-NOVARA 2-1 Garcia 21′ (N), Flamini 55′ (M), Inzaghi 85′ (M). 
Milan (4-3-1-2): Amelia; Zambrotta, Mexes, Yepes, Mesbah; Gattuso, Aquilani, Seedorf; Boateng; Cassano, Ibrahimovic.
A disposizione: Piscitelli, Nesta, Flamini, Nocerino, Inzaghi, Maxi Lopez, El Shaarawy. All.: Allegri.
Squalificati: Abate (1)
Indisponibili: Roma, Pato, Emanuelson, Bonera, Abbiati, De Sciglio, Muntari, Antonini, Thiago Silva, Van Bommel, Ambrosini

Novara (4-3-1-2): Fontana; Morganella, Lisuzzo, Centurioni, Garcia; Porcari, Pesce, Gemiti; Rigoni; Caracciolo, Jeda.
A disposizione: Logofatu, Ludi, Maggio, Branca, Radovanovic, Rubino, Morimoto. All.: Tesser.
Squalificati: Mascara (1)
Indisponibili: Paci, Mazzarani, Marianini, Ujkani, Coser

Nella giornata degli addii di tanti campioni che hanno scritto la storia rossonera il Milan supera per 2-1 in rimonta il Novara e si congeda dal pubblico di San Siro con una vittoria.

Primo tempo di marca piemontese con la rete di Garcia ma nella ripresa i padroni di casa si scuotono e raggiungono il pareggio con Flamini. L’apoteosi arriva però al 37esimo della ripresa con la rete di Filippo Inzaghi che segna e scoppia in lacrime nella sua ultima da rossonero.

Con lui salutano anche Nesta, Gattuso, Zambrotta, Van Bommel e Seedorf.

LAZIO-INTER  3-1 Milito 44′ (I), Kozak 59′ (L), Candreva 63′ (L), Mauri 92′ (L).
Lazio (4-2-3-1): Bizzarri; Konko, Diakitè, Biava, Scaloni; Cana, Ledesma; Candreva, Mauri, Lulic; Klose.
A disposizione: Berardi, Garrido, Zauri, Gonzalez, Onazi, Makinwa, Kozak. All.: Reja.
Squalificati: Marchetti (2), Dias (1)
Indisponibili: Alfaro, Rocchi, Radu, Stankevicius, Brocchi, Matuzalem, Hernanes

Inter (4-4-1-1): Castellazzi; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Guarin, Cambiasso, Poli, Zanetti; Alvarez; Milito.
A disposizione: Orlandoni, Ranocchia, Cordoba, Crisetig, Faraoni, Longo, Pazzini. All.: Stramaccioni.
Squalificati: Julio Cesar (1)
Indisponibili: Castaignos, Chivu, Stankovic, Obi, Palombo, Forlan, Zarate, Sneijder

FIORENTINA-CAGLIARI 0-0
Fiorentina (3-5-1-1): Neto; Camporese, Natali, Felipe; De Silvestri, Kharja, Marchionni, Lazzari, Pasqual; Olivera; Cerci.
A disposizione: Manfredini, Rozzio, Cassani, Acosty, Behrami, Romulo, Salifu. All.: Guerini.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Jovetic, Nastasic, Kroldrup, Amauri, Vargas, Gamberini, Montolivo

Cagliari (4-3-3): Avramov; Perico, Astori, Canini, Ariaudo; Dessena, Conti, Nainggolan; Ekdal, Thiago Ribeiro, Nené.
A disposizione: Agazzi, Murru, Gozzi, Bovi, Eriksson, Larrivey, Ibarbo. All.: Ficcadenti.
Squalificati: Cossu (1), Pisano (1)
Indisponibili: Rui Sampaio, El Kabir

CESENA-ROMA 2-3 Del Nero 9′ (C), Bojan 27′ (R), Lamela 32′ (R), De Rossi 51′ (R), Santana 90′ (C).
Cesena (5-3-2): Ravaglia; Ceccarelli, Moras, Benalouane, Von Bergen, Lauro; Santana, Guana, Parolo; Malonga, Rennella.
A disposizione: Antonioli, Rodriguez, Comotto, Benalouane, Djokovic, Del Nero, Filippi. All.: Beretta.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Iaquinta, Calderoni, Mutu, Colucci, Martinez, Martinho

Roma (4-3-3): Lobont; Rosi, Kjaer, Heinze, Marquinho; Gago, De Rossi, Pjanic; Bojan, Totti, Osvaldo.
A disposizione: Curci, Josè Angel, Cassetti, Perrotta, Greco, Lamela, Borini. All.: Luis Enrique.
Squalificati: Taddei (1)
Indisponibili: Stekelenburg, Burdisso, Juan, Simplicio

PARMA-BOLOGNA 1-0 Biabiany 35′ (P).
Parma (3-5-2): Pavarini; Zaccardo, Paletta, Lucarelli; Biabiany, Valiani, Valdes, Galloppa, Gobbi; Giovinco, Floccari.
A disposizione: Gallinetta, Santacroce, Morrone, Jonathan, Marques, Okaka, Palladino. All.: Donadoni.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Mariga, Mirante, Modesto, Brandao

Bologna (3-4-2-1): Agliardi; Antonsson, Portanova, Cherubin; Garics, Taider, Kone, Rubin; Ramirez, Diamanti; Di Vaio.
A disposizione: Stojanovic, Loria, Sorensen, Crespo, Pulzetti, Belfodil, Acquafresca. All.: Pioli.
Squalificati: Morleo (2)
Indisponibili: Gimenez, Gillet, Casarini, Krhin, Perez, Mudingayi

Una colpo di testa di Biabiany su calcio d’angolo al 37′ del primo tempo permette al Parma di concludere con una vittoria l’ottimo campionato disputato. Nel derby emiliano i ducali di Roberto Donadoni superano il Bologna e chiudono a quota 56 punti, insieme alla Roma.

Ma al Tardini è anche giornata di addii, con il saluto di Marco Di Vaio che si congeda dopo quattro stagioni dal Bologna e dalla Serie A. L’uscita dal campo dell’attaccante al 24′ della ripresa è stata salutata dal pubblico con una standing ovation. La squadra di Pioli conclude con 51 punti.

CATANIA-UDINESE  0-2 Di Natale 20′ (U), Fabbrini 59′ (U).
Catania (4-3-3): Carrizo; Motta, Spolli, Legrottaglie, Marchese; Izco, Almiron, Seymour; Gomez, Catellani, Barrientos.
A disposizione: Terracciano, Bellusci, Capuano, Calapai, Ricchiuti, Ebagua, Suazo. All.: Montella.
Squalificati: Lodi (1)
Indisponibili: Biagianti, Potenza, Llama, Bergessio

Udinese (3-5-1-1): Handanovic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Pereyra, Pinzi, Asamoah, Pasquale; Fabbrini; Di Natale.
A disposizione: Padelli, Coda, Armero, Fernandes, Pazienza, Torje, Floro Flores. All.: Guidolin.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Isla, Ferronetti, Barreto.

CHIEVO-LECCE  1-0 Vacek 79′ (C). 
Chievo (4-3-1-2): Puggioni; Sardo, Morero, Cesar, Jokic; Vacek, Bradley, Luciano; Sammarco; Pellissier, Uribe.
A disposizione: Squizzi, Frey, Acerbi, Rigoni, Hetemaj, Thereau, Paloschi. All.: Di Carlo.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Dramé, Gulan, Moscardelli, De Paula, Andreolli, Dainelli, Sorrentino, Cruzado

Lecce (3-5-2): Benassi; Esposito, Carrozzieri, Brivio; Cuadrado, Blasi, Giacomazzi, Obodo, Di Matteo; Di Michele, Muriel.
A disposizione: Gabrieli, Grossmueller, Giandonato, Piatti, Bertolacci, Seferovic, Bojinov. All.: Cosmi.
Squalificati: Miglionico (1), Delvecchio (1)
Indisponibili: Julio Sergio, Corvia, Oddo, Petrachi, Tomovic, Ingrosso

GENOA-PALERMO 2-0 Gilardino 57′ (G), Sculli 69′ (G). 
Genoa (4-4-2): Frey; Mesto, Granqvist, Kaladze, Moretti; Rossi, Belluschi, Biondini, Jankovic; Sculli, Gilardino.
A disposizione: Lupatelli, Alhassan, Carvalho, Veloso, Birsa, Jorquera, Ze Eduardo. All.: De Canio.
Squalificati: Palacio (2), Kucka (1)
Indisponibili: Antonelli, Constant, Bovo

Palermo (3-5-2): Viviano; Munoz, Mantovani, Labrin; Pisano, Migliaccio, Barreto, Bertolo, Aguirregaray; Mehmeti, Budan
A disposizione: Brichetto, Milanovic, Bacinovic, Lores, Zahavi, Vazquez, Hernandez. All.: Mutti.
Squalificati: Silvestre (1)
Indisponibili: Della Rocca, Ilicic, Acquah, Tzorvas, Miccoli, Balzaretti, Donati

NAPOLI-SIENA  2-1 Dossena 7′ e 35′ (N), Destro 12′ (S). 
Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Britos; Maggio, Inler, Hamsik, Dossena; Zuniga, Pandev; Lavezzi.
A disposizione: Rosati, Grava, Fernandez, Gargano, Ammendola, Dezi, Vargas. All.: Mazzarri.
Squalificati: Dzemaili (1), Aronica (1), Cavani (1)
Indisponibili: Donadel

Siena (3-5-1-1): Farelli; Belmonte, Contini, Terzi; Giorgi, Codrea, D’Agostino, Bolzoni, Del Grosso; Brienza; Destro.
A disposizione: Brkic, Rossi, Vergassola, Gazzi, Grossi, Sestu, Bogdani. All.: Baiano (Sannino infortunato)
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Pesoli, Calaiò, Angelo, Rossettini, Pegolo.

La classifica del campionato.

1. Juventus 38 23 15 0 68:20 84

2. AC Milan 38 24 8 6 74:33 80

3. Udinese 38 18 10 10 52:35 64

4. Lazio 38 18 8 12 56:47 62

5. Napoli 38 16 13 9 66:46 61

6. Inter 38 17 7 14 58:55 58

7. AS Roma 38 16 8 14 60:54 56

8. Parma 38 15 11 12 54:53 56

9. Bologna 38 13 12 13 41:43 51

10. Chievo 38 12 13 13 35:45 49

11. Catania 38 11 15 12 47:52 48

12. Atalanta 38 13 13 12 41:43 46

13. Fiorentina 38 11 13 14 37:43 46

14. Siena 38 11 11 16 45:45 44

15. Cagliari 38 10 13 15 37:46 43

16. Palermo 38 11 10 17 52:62 43

17. Genoa 38 11 9 18 50:69 42

18. Lecce 38 8 12 18 40:56 36

19. Novara 38 7 11 20 35:65 32

20. Cesena 38 4 10 24 24:60 22

Foto LaPresse.