Serie A: Allegri salva la panchina, Milan-Genoa 1-0. Siena-Palermo noioso 0-0

Pubblicato il 27 Ottobre 2012 23:18 | Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre 2012 23:18
Diretta Serie A: Milan-Genoa (LaPresse)

Allegri salva la panchina (LaPresse)

 MILANO –  Per il Milan, meno male che El Shaarawy c’è. L’italoegiziano realizza la rete che affonda il Genoa, la squadra dove è cresciuto, nel secondo dei due anticipi della nona giornata e regala tre punti che per Allegri sono ossigeno puro.

I rossoneri faticano ritrovano il successo dopo tre sconfitte tra campionato e Champions e risalgono in classifica, anche se per il tecnico il lavoro, soprattutto per quello che riguarda la difesa, rimane molto. Luigi Delneri inizia invece con una sconfitta la sua avventura sulla panchina rossoblù.

Ad inizio gara, riflettori accesi su Pato, tornato titolare nella squadra rossonera dopo ben otto mesi. Il brasiliano, però, non lascerà impronte particolari sul match, a differenza del compagno di reparto El Shaarawy.

L’attacco milanista deve faticare però, e molto, contro un Genoa arrivato a San Siro con l’intenzione di difendersi. I liguri, compatti e ben ordinati, non concedono molti sbocchi. La retroguardia del Diavolo, invece, regala parecchi brividi al pubblico di casa: in particolar modo Zapata.

Al 21′ l’ex centrale dell’Udinese perde palla su pressione di Antonelli, Immobile s’invola ma non riesce ad approfittarne. Alla mezz’ora prova a dare la scossa El Shaarawy: la conclusione del ‘Piccolo Faraone’ è deviata in angolo da Bovo.

Ancora l’italoegiziano, al 38′, prova a preoccupare la difesa genoana con un insidioso tiro-cross non sfruttato dai compagni. Poco prima dell’intervallo, episodio dubbio in area rossoblù con l’intervento di Bovo su Pato. Mazzoleni fa proseguire.

Nella ripresa prova a destarsi il ‘Papero’ che al 47′ scappa sulla destra e mette in mezzo: Constant manca l’attimo. Poi c’è lavoro per Frey, bravo a salvare con i piedi sul blitz di Abate (54′).

Proprio l’esterno rossonero, probabilmente scattato in fuorigioco, mette palla in mezzo dalla sinistra e il più lesto di tutti è El Shaarawy (77′).

Per il giovane bomber, sesto gol in campionato e settimo stagionale. A cinque minuti dal termine, Emanuelson ha la palla per il raddoppio che potrebbe chiudere la gara ma il sinistro dell’olandese è alto sulla traversa. Ma ad Allegri va benissimo così.

Siena e Palermo si spartiscono il bottino nello scontro salvezza, ma ad entrambe sarebbe servita una vittoria per dare una svolta al campionato. Al ‘Franchi’ si sfidano le ultime due della classe: penultimi i rosanero, fanalini di coda i toscani che però sono partiti con una penalizzazione di -6.

Il Palermo ottiene un altro pari, il terzo in altrettante uscite; il Siena spezza se non altro la striscia negativa arrivata a tre sconfitte consecutive. E’ la squadra di Gasperini a far vedere le cose migliori in campo. Anche se il primo tempo, combattuto principalmente al centrocampo, va in archivio senza registrare emozioni particolari. Il match si ravviva nella ripresa con le due squadre che provano ad inquadrare finalmente la porta.

Il primo squillo è della squadra di Cosmi, al 49′: il colpo di testa di Calaiò sul traversone di Valiani si spegne però a lato. Dopo una conclusione dalla distanza di Barreto al 52′, l’occasione più ghiotta capita a Miccoli al 57′: il capitano rosanero si presenta a tu per tu con Pegolo, ma spreca tutto sparando alto sulla traversa. Ancora Miccoli ci prova con una conclusione a giro (73′), poi è ancora la squadra di Gasperini a rendersi pericolosa.

In entrambe le occasioni è bravissimo Pegolo: prima dicendo ‘no’ al diagonale di Bertolo (75′) e all’ultimo minuto su Dybala, che cade in area ma riesce ad andare comunque al tiro. A conti fatti, un pari che ai siciliani va stretto.

I tabellini delle partite. 

Milan-Genoa 1-0, gol: Stephan El Shaarawy 76′ (M).

Milan (3-4-3): 1 Amelia, 5 Mexes, 25 Bonera, 17 Zapata, 20 Abate, 18 Montolivo, 34 De Jong, 28 Emanuelson, 10 Boateng, 9 Pato, 92 El Shaarawy. (32 Abbiati, 59 Gabriel, 13 Acerbi, 77 Antonini, 76 Yepes, 23 Ambrosini, 21 Constant, 16 Flamini, 8 Nocerino, 22 Bojan, 11 Pazzini). All.: Allegri.     Squalificati: nessuno.     Diffidati: Bonera, Ambrosini, De Jong, Pazzini.     Indisponibili: Mesbah, Robinho, De Sciglio, Strasser, Muntari, Vila’.

Genoa: (4-5-1): 1 Frey, 31 Sampirisi, 5 Granqvist, 3 Bovo, 13 Antonelli, 11 Jankovic, 33 Kucka, 28 Toszer, 10 Merkel, 91 Bertolacci, 17 Immobile (30 Tzorvas, 24 Moretti, 18 Piscitella, 14 Seymour, 32 Donnarumma, 9 Melazzi, 23 Said, 16 Hallenius, 15 Krajnc, 25 Alhassan Moro). All. Del Neri.     Squalificati: Canini    Diffidati: Borriello    Indisponibili: Rossi, Ferronetti, Vargas, Anselmo, Borriello.    Arbitro: Mazzoleni di Bergamo.

Siena-Palermo 0-0.

Siena (3-4-2-1): 25 Pegolo, 13 Neto, 24 Paci, 18 Felipe, 6 Angelo, 8 Vergassola, 36 Bolzoni, 3 Del Grosso, 7 Valiani, 57 Zè Eduardo, 11 Calaiò. (12 Farelli, 89 Marini, 15 Dellafiore, 33 Rubin, 55 Coppola, 77 Sestu, 16 Verre, 92 Campos Toro, 91 Reginaldo, 70 Mannini, 27 Rosina, 81 Bogdani). All.: Cosmi.    Squalificati: Terzi, Belmonte, Larrondo, Vitiello.     Diffidati: Neto, Calaio’, Felipe.    Indisponibili: Campagnolo, Martinez, Rodriguez.

Palermo: 1 Ujkani, 6 Munoz, 23 Donati, 25 Von Bergen, 89 Morganella, 5 Barreto, 20 Rios, 29 Garcia, 27 Ilicic, 21 Brienza, 10 Miccoli (99 Benussi, 22 Brichetto, 4  Cetto, 18 Labrin, 31 Pisano, 28 Kurtic, 7 Viola, 14 Bertolo, 2 Mantovani, 9 Dybala,  19 Budan, 17 Giorgi). All. Gasperini.    Indisponibili: Milanovic, Hernandez.    Squalificati: nessuno.    Diffidati: Miccoli.
Arbitri: Giampaolo Calvarese.

La classifica del campionato qui.