Playoff Serie B, Pescara-Bologna 0-0: finale d’andata senza gol

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 Giugno 2015 22:40 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2015 22:42

ROMA – Pescara-Bologna 0-0. Nella finalissima di andata dei play-off per la promozione in serie A, il Pescara e il Bologna pareggiano per 0-0, con il discorso promozione rinviato alla gara di ritorno in cui il Bologna avrá due risultati su tre, con il Pescara che invece dovrà solo vincere. Questa sera in terra d’Abruzzo gara equilibrata fra abruzzesi ed emiliani con più Pescara nel primo tempo e Bologna meglio disposto in campo nella ripresa. Nel primo tempo é stata la squadra di casa a rendersi pericolosa in diverse occasioni. Al 9′ uscita disperata del portiere del Bologna Da Costa che al limite anticipa Melchiorri. Al 12′ proteste abruzzesi per un tocco con la mano di Casarini in area bolognese, con Gavillucci di Latina che lascia proseguire fra le proteste dei tifosi di casa.

Al 34′ ancora pericolosa la squadra di Massimo Oddo con Caprari che in area conclude altissimo. Al 44′ C’é un conclusione centrale di Laribi, prima di una occasionissima per Melchiorri a due passi da Da Costa. Nella ripresa al 3′ Matuzalem viene sostituito da Bessa, mentre qualche minuto dopo si infortuna il difensore centrale del Pescara Salamon che lascia il posto a Pucino. Rispetto al primo tempo il Pescara é meno brillante e al 14′ Laribi si divora così il vantaggio, mandando la palla di un soffio al lato da buona posizione. Al 19′ la risposta del Pescara con il palo colpito da Melchiorri con un colpo di testa da posizione angolata. Il Bologna si rivede al 22′ con un contropiede di Mancosu concluso con un tiro fuori di poco. Le squadre si allungano e fioccano le occasioni come accade al 23′ con un tiro a giro di Pasquato che sfiora il, palo.

Al 28′ proteste emiliane per un sospetto tocco con la mano in area pescarese di Pucino, con Gavillucci che lascia ancora proseguire. Al 29′ i giocatori del Pescara si addormentano con Bjarnason a terra e Mancosu se ne va tutto solo verso Fiorillo che riesce a chiudere lo specchio e a salvare la sua porta. A dieci minuti dalla fine nel Bologna entra Cacia al posto di Mancosu. La sfida fra abruzzesi e felsinei é stata giocata in uno stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia” gremito da circa 20 mila spettatori sugli spalti, fra cui un migliaio di tifosi ospiti. Martedì 9 giugno alle ore 20.30 allo Stadio Dall’Ara si disputerá la finalissima di ritorno per decidere la terza squadra che salirá in serie A dopo Carpi e Frosinone promosse nella stagione regolare. Foto LaPresse.