Serie A, Palermo-Napoli 3-1 e Sassuolo-Fiorentina 1-3 (anticipi del sabato)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2015 23:27 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2015 11:13
Diretta Serie A, Palermo-Napoli e Sassuolo-Fiorentina (anticipi del sabato)

Montella nella foto LaPresse

ROMA – Sassuolo-Fiorentina 1-3 e Palermo-Napoli 3-1, partite valide come anticipi della 23a giornata del campionato italiano di calcio di Serie A. Il Palermo riprende la sua corsa e fa suo il derby del Sud. Battuto 3-1 il Napoli grazie ai gol di Lazaar, Vazquez e Rigoni. Nel finale a segno Gabbiadini per i partenopei. I rosanero, in serata di grazia, fermano la corsa di un Napoli lanciatissimo e reduce da 4 vittorie.

Iachini, alle prese con diverse assenze cambia modulo: difesa a 4 con il nuovo arrivato Rispoli e Lazaar ai lati; assente lo squalificato Gonzalez e l’indisponibile Vitiello. A centrocampo non recupera Maresca; in avanti Quaison e Vazquez dietro Dybala. Benitez deve rinunciare a Mertens, squalificato; a sinistra spazio a De Guzman che compone il trio con Callejon e Hamsik dietro a Higuain; in difesa a sinistra spazio per Strinic. Partita vivace con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Al 12′ il primo brivido con una botta da fuori di De Guzman che Sorrentino respinge con i pugni.

Al 14′ il Palermo passa in vantaggio grazie a Lazaar che da 40 metri fa partire un gran sinistro che sorprende Rafael e si insacca; grave papera del portiere. Al 22′ Il Palermo sfiora il raddoppio: Dybala ruba palla e avanza verso la porta, scambia con Vazquez che offre un assist preziosissimo a Bolzoni; il centrocampista davanti al portiere angola troppo il pallone mandando sul fondo. Al 30′ Andelkovic cade e perde palla, ne approfitta De Guzman che non trova la porta.

5 x 1000

Al 36′ il Palermo raddoppia: Quaison con una bella giocata porta palla e avanza in velocita’ da destra, serve dalla parte opposta Dybala il quale appoggia per Vazquez che dal limite infila ancora Rafael con il sinistro. Al 38′ grande occasione per il Napoli con un rasoterra insidiosissimo di Higuain, ottima la risposta di Sorrentino che si salva in angolo. Nella ripresa al 7′ punizione insidiosa di Callejon che aggira la barriera, pallone sopra la traversa.

Al 18′ gran sinistro da fuori di Vazquez, deviato da Dybala e ottimo intervento di Rafael che si salva in angolo. Al 20′ il tris del Palermo: cross di Dybala dalla destra, sponda di testa di Vazquez per Rigoni che insacca. Il Napoli si rivede al 32′ con un tiro dal limite di Zapata, deviato in angolo da Andelkovic. Al 37′ i partenopei accorciano le distanze: punizione di De Guzman e deviazione quasi fortuita di Gabbiadini che alla fine va a segno di tacco. Il Napoli attacca ancora ma non riesce a compiere il miracolo e domani la Roma ha la possibilita’ di riportarsi a +7 (Agi).

Colpo importante della Fiorentina che batte a domicilio il Sassuolo, che non perdeva in casa da settembre, e consolida il quarto posto a 38 punti, in attesa della Sampdoria. Una bella prova autoritaria quella dei viola che non hanno dato scampo alla compagine di casa, condizionata dall’uno-due incassato dopo la mezz’ora del primo tempo, un doppio vantaggio che ha spalancato le porte alla Fiorentina verso una vittoria che non fa una piega, sesto risultato utile consecutivo per Montella. Un successo nel segno di Babacar, autore di una doppietta più un assist, schierato nel tridente offensivo insieme ai due nuovi del mercato di gennaio, Salah (prima gara da titolare), che ha segnato la prima rete, e Diamanti. Proprio Babacar e Salah sono stati i mattatori del match: il primo ha servito l’assist nel primo gol, Salah ha resituito il favore al compagno, creando le basi per quella che è stata una delle migliori prestazioni dei viola in questa stagione.

Il Sassuolo che ritrovava i tre attaccanti titolari, Berardi, Zaza e Sansone, ha avuto un approccio sbagliato e solo nella ripresa ha dato segnali di risveglio. Squadre speculari in avvio di gara. Viola subito insidiosi con Salah. La partita la fa la Fiorentina, il Sassuolo troppo attendista. Alla mezz’ora vantaggio viola: Babacar di tacco sfiora appena la palla, lanciando in profondità Salah. La difesa di casa è sorpresa e Consigli è battuto.

Due minuti dopo il raddoppio: Longhi fallisce il rinvio nella propria area,puo’ contrattaccare la Fiorentina: Salah per Babacar che raccoglie a centro area, elude la marcatura di Cannavaro e batte Consigli. Prima del riposo il Sassuolo potrebbe accorciare ma non è fortunato: da fuori sinistro al veleno di Berardi fermato solo dal palo. Nella ripresa la Fiorentina palleggia meglio, tiene le redini del match con autorevolezza e al 17′ si trova spianata la strada verso i tre punti: nel tentativo di applicare il fuori gioco, Longhi sbaglia il tempo e tiene in gioco Babacar che riceve il pallone da Pizarro e tutto solo davanti a Consigli può solo appoggiare la palla in rete. Partita di fatto chiusa, nonostante il gol di Berardi al 22′ sull’assist di Magnanelli. La difesa della Fiorentina si concede una pausa ma sarà l’unica del match.