Djokovic agli Internazionali di Tennis a Roma senza Green Pass? La Sottosegretaria Vezzali dice che può, ma è bufera sui social

di Daniela Lauria
Pubblicato il 17 Febbraio 2022 - 18:04
Djokovic agli Internazionali di Tennis a Roma? La Sottosegretaria Vezzali gli apre le porte, ma è bufera sui social

Djokovic agli Internazionali di Tennis a Roma? La Sottosegretaria Vezzali gli apre le porte, ma è bufera sui social

Novak Djokovic potrà giocare gli Internazionali di Tennis a Roma. Ad aprirgli le porte è stata la Sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali, dopo che il campione serbo si era già detto pronto a saltare anche Wimbledon e Roland Garros, dopo essere stato espulso dagli Australian Open perché non vaccinato. 

“Per quanto riguarda il tennis all’aperto – ha detto la sottosegretaria – non è previsto il Green pass rafforzato, quindi se Djokovic vuole venire a giocare agli Internazionali a Roma può farlo”. 

“Dobbiamo anche considerare – ha aggiunto Vezzali – che dal 31 marzo, se tutto procede secondo un calo della curva epidemiologica, dovremmo avere la fine dello stato di emergenza e la situazione andrà valutata bene”. Ma le parole della sottosegretaria hanno scatenato una tempesta su Twitter.

Djokovic agli Internazionali di Roma, la polemica su Twitter

L’apertura di Valentina Vezzali al tennista più forte del mondo ha riaperto il calderone delle polemiche su Twitter. In molti hanno contestato l’ipotesi di accogliere Djokovic agli Internazionali di Roma. “Vergognoso e inaccettabile”, “Le regole non valgono per tutti”, è il tono di molti. 

C’è anche chi sottolinea la scarsa credibilità per il Belpaese: “In Italia funziona così: obbligo Green Pass per lavorare, però se sei Djokovic non serve. Morale della favola: se sei ricco, fai il cavolo che ti pare”. E chi semplicemente osserva: “Poi chiedono ai ragazzini italiani il Super Green Pass per fare sport”.

Djokovic agli Internazionali di Roma, lo può fare davvero?

Gli Internazionali di Tennis a Roma si disputeranno dal 2 al 15 maggio e in Italia lo stato di emergenza è previsto che termini il 31 marzo.

Non è escluso però che l’organizzazione del torneo possa richiedere il Super Green pass come requisito obbligatorio. Essendo guarito a dicembre 2021, Djokovic non rientrerebbe nei 120 giorni massimi che gli consentirebbero di ottenere il certificato verde.

Sarebbe tra l’altro per lui difficile la permanenza in Italia senza Green Pass: banalmente, dove potrebbe alloggiare o mangiare dal momento che la certificazione è obbligatoria per hotel e ristoranti?