Doping, ciclista Carl Grove positivo a 90 anni. Record revocati, si difende: “Steroidi nella carne”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2019 19:33 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2019 19:33
Carl Grove, ciclista di 90 anni da record ma...positivo al doping

Doping, ciclista Carl Grove positivo a 90 anni. Record revocati, si difende: “Steroidi nella carne” (Foto archivio Ansa)

ROMA – Un ciclista da record Carl Grove. A 90 anni infatti è stato vincitore di due titoli ai Campionati Masters di Breinigsville, in Pennsylvania, lo scorso luglio 2018. Il ciclista però è stato trovato positivo al doping per la presenza nel sangue di epitrenbolone, uno steroide anabolizzante, e l’Usada gli ha revocato i record. L’anziano ciclista si è difeso sostenendo di aver mangiato “carne contaminata”, tesi difensiva che è stata accolta dall’agenzia antidoping.

Grove aveva partecipato lo scorso 11 luglio alle gare di ciclismo di inseguimento e di cronometro della categoria 90-94 anni, vincendo “facile” dato che era l’unico concorrente in pista per la sua categoria. Il ciclista però durante un controllo dell’urina effettuato dall’agenzia anti-doping statunitense Usada è risultato positivo a uno steroide anabolizzante, l’epitrenbolone. L’anziano si è difeso sostenendo di non aver assunto sostanze dopanti, ma di essere risultato positivo per aver mangiato a sua insaputa della carne contaminata.

L’Usada ha accolto la tesi difensiva del ciclista e così ha deciso di privarlo del titolo conquistato nella gara di inseguimento, lasciandogli però la vittoria alla prova del cronometro.