Empoli in Serie A, Andreazzoli: “Non è stato facile, la città era scettica…”

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 aprile 2018 17:28 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2018 17:28
Empoli in Serie A, Andreazzoli: "Non è stato facile, la città era scettica..."

Empoli in Serie A, Andreazzoli: “Non è stato facile, la città era scettica…”

EMPOLI – L’Empoli è promosso in serie A per la stagione 2018-2019. La squadra allenata da Aurelio Andreazzoli ha ottenuto la certezza matematica del salto di categoria, con quattro giornate di anticipo sulla fine del torneo cadetto, grazie al pareggio di oggi per 1-1 con il Novara. Per l’Empoli è la sesta promozione nella massima serie.

 

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

 

“Abbiamo fatto un bel lavoro, sono soddisfatto perché non era facile: l’ambiente era un po’ scettico e l’abbiamo dovuto conquistare così come i ragazzi. ci abbiamo messo molto impegno e sono estremamente felice”.

Così Aurelio Andreazzoli, intervistato da Sky sul campo di Empoli, appena dopo aver conquistato la promozione in serie A alla guida della squadra toscana. “Quando sono venuto qui ho detto che mi mancava la serie B da allenare – dice l’ex tecnico della Roma -, l’unica categoria in cui non aveva allenato. Ora l’ho conquistata e sono felice. Scegliere un sistema di gioco è stato automatico, io non ho fatto niente di particolare”.

“La parte più difficile per un allenatore – aggiunge – è quella di conquistare i giocatori. Ci siamo riusciti formando un bel gruppo, fatto di gente che ti segue in tutte le maniere. Il mio staff e io siamo stati bravi a farlo in fretta, e ora il risultato è questo. Adesso cominciano le feste? Io non sono tanto portato, e meno ne faccio e meglio sto”. “Da quando sono arrivato io nell’Empoli non c’è stato nemmeno un espulso, e anche di questo sono orgoglioso”, conclude Andreazzoli.

Il video con i festeggiamenti dell’Empoli per la promozione in Serie A (dal Facebook di Gianluca Di Marzio)