Enrico Mentana attacca Petrachi e la Roma: “Un piagnisteo inaccettabile”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 7 Ottobre 2019 8:31 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2019 8:31
Enrico Mentana Petrachi Roma piagnisteo inaccettabile tifa Inter

Il post di Enrico Mentana contro Petrachi (da Facebook)

MILANO – Solitamente il giornalista Enrico Mentana aggiorna il suo profilo Facebook per parlare di politica o della sua squadra del cuore, l’Inter, questa voluta ha voluto attaccare la Roma ed il suo ds Petrachi con le seguenti dichiarazioni: “Ho assistito al piagnisteo post partita del dirigente di una società importante dopo un gol secondo lui ingiustamente annullato. Molto opinabile, ma legittimo. Quello che non è accettabile è sentire che il calcio “non è uno sport per signorine, non è la danza classica”. Tutto questo peraltro dopo che un giocatore della squadra avversaria era stato portato via in barella con la maschera ad ossigeno”.

Il suo post non è passato inosservato e ha ricevuto moltissimi commenti di protesta da parte dei tifosi della Roma. Altri utenti si sono chiesti perché Mentana avesse avvertito il bisogno di parlare della Roma visto che solitamente dedica delle attenzioni solamente alla sua Inter. 

Enrico Mentana attacca Petrachi, ecco cosa aveva dichiarato il direttore sportivo della Roma ai microfoni di Sky Sport.

Petrachi, direttore sportivo della Roma, ha protestato così ai microfoni di Sky Sport: “E’ impossibile annullare un gol di genere. Altrimenti non si gioca più a calcio. Ci sono milioni di contatti del genere in area di rigore. Il calciatore è andato a terra per l’uscita a vuoto di Olsen. Se lo vedono in Inghilterra si mettono a ridere.

Contro di noi vanno a rivedere ogni episodio, quando tocca a noi nemmeno ci vanno al monitor. C’è qualcosa che sta penalizzando la Roma e siamo tutti mortificati di questo. E’ assurdo annullare un gol di genere. Se iniziamo ad annullare reti del genere, diamoci alla danza classica.

Il calcio è uno sport maschio. Non si può annullare una rete del genere. Noi meritavamo di vincere con un gol regolare al 90′, l’arbitro ha falsato la partita con un errore tecnico, cosa inaccettabile in tempo di VAR”.