Euro 2012, Buffon: “Biscottone e 2-2? Non credo, farebbero proprio ridere tutti”

Pubblicato il 15 Giugno 2012 0:11 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2012 23:17

POZNAN (POLONIA) – Lo spettro del 2-2 tra Svezia e Danimarca del 2004 si affaccia sul cammino dell’Italia all’Europeo otto anni dopo. Quando ancora la Spagna doveva entrare in campo, o mentre Torres segnava il primo gol all’Irlanda, l’Italia era alle prese con un’eventualità crudele: vincere la prossima con l’Irlanda, ma restare fuori per un pari tra Spagna e Croazia dal 2-2 in su. ”Morti e feriti? No, non ci credo: stavolta è diverso, e poi se lo facessero farebbero ridere l’Europa”, dice il capitano azzurro Gigi Buffon, esorcizzando la paura.

La sua è una sorte di nemesi. Aveva aperto il ritiro azzurro con i pari di comodo che nel calcio ricorrono (”alle volte meglio due feriti che un morto”), ora scaccia la paura. ”La qualificazione – dice il portiere dopo l’1-1 con la Croazia – dipende tutto da noi, ho la certezza che se dovessimo vincere l’ultima contro l’Irlanda saremmo qualificati. E poi se Croazia-Spagna finisse proprio 2-2 si metterebbe a ridere tutta l’Europa”.

”Io non credo che stavolta possa finire così perchè stavolta la situazione è diversa – argomenta Buffon -. Otto anni fa c’erano due squadre di pari valore, e per di più cugine, per le quali passare il primo turno era già un’impresa. Così avevano vinto il loro Europeo. Qui invece c’è una squadra, la Spagna, che è superiore in tutto e per tutto all’altra e che non vorrà rischiare la propria reputazione”.

”Sono campioni del mondo, e non vorranno macchiare le loro carriere. Io non ci credo, non ce li vedo: qui non ci saranno feriti, e neanche il morto”, prevede. Ma l’Uefa, secondo Buffon, dovrebbe vigilare? ”Non ce n’è bisogno, e i motivi li ho già spiegati – risponde -. La Spagna è la favorita e la più forte di tutte, ha dei giocatori con un pedigree che non permette l’etichetta di antisportivita’ e di far ridere l’Europa. Hanno la certezza di essere i più forti e sono certo che vogliono anche arrivare primi nel girone: quindi perchè dovrebbero fare una cosa del genere?”.

Intanto l’Italia deve fare il suo battendo la ‘Trap’s Army’, ovvero l’Irlanda. ”E state pur certi che nessuno ci regalerà niente – sottolinea Buffon -. Ancora una volta dovremo lottare fino alla fine”.