Euro 2016: Sarkozy e Zidane per la candidatura della Francia

Pubblicato il 28 maggio 2010 12:02 | Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2010 12:02

Con la presenza di Zinedine Zidane e del presidente della repubblica Nicolas Sarkozy, arrivato a Ginevra qualche minuto prima, la Francia è stata l’ultimo candidato all’organizzazione dell’Euro 2016 ad effettuare la propria presentazione prima della decisione dell’esecutivo. Disteso, completo scuro, camicia bianca e cravatta nera, Nicolas Sarkozy ha fatto una breve dichiarazione senza leggere. “Ammiro il lavoro di Italia e Turchia. Non siamo candidati gli uni contro gli altri ma gli uni vicini agli altri”, ha esordito il presidente. “In Francia ci siamo detti che l’organizzazione di un evento come l’Euro 2016 rappresenterebbe una magnifica risposta alla crisi. Mentre il riflesso naturale é di ripiegarsi noi siamo favorevoli all’apertura, verso l’Europa.” Il presidente ha concluso: “in Francia vi sono molti dibattiti, opposizioni. Su un solo punto vi è totale unanimità: il calcio e la volontà di accogliere l’Euro 2106”. Zinedine Zidane ha invece brevemente dialogato con un bambino di dieci anni, Nathan, vero conduttore della presentazione francese.

“Uno dei più belli ricordi della mia vita – ha detto l’ex-juventino – è quando ho potuto assistere dal vivo alla gara dell’Euro 1984 a Marsiglia fra Francia e Portogallo. Poi da giocatore, il Mondiale 1998 è stato un momento fortissimo. Perché abbiamo vinto, sì. Ma anche per aver visto tutta questa gente per strada a far festa, con la volontà di vivere insieme, senza distinzione di colore, o razza. Ecco, affinché la nuova generazione possa vivere queste emozioni, chiedo all’Uefa di assegnare alla Francia l’organizzazione dell’Euro 2016”.