Europa League, gioie e dolori per le italiane: Roma avanti, Lazio fuori

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 12 Dicembre 2019 19:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2019 23:26
Europa League, Rennes-Lazio 1-0. Roma-Wolfsberg alle 21

Europa League, Edin Dzeko della Roma nella foto Ansa

ROMA – Gioie e dolori per le squadre italiane impegnate nell’ultima giornata della fase a gironi di Europa League. La Roma ha pareggiato contro il Wolfsberg qualificandosi ai sedicesimi di finale come seconda, la Lazio ha perso a Rennes ed è stata eliminata dalla competizione. La squadra allenata da Simone Inzaghi non sarebbe passata nemmeno in caso di successo perché nell’altra gara del girone il Cluj, che si stava giocando la qualificazione con la Lazio, ha vinto contro un Celtic che era già qualificato come primo e che non aveva più nulla da chiedere a questa fase della competizione e si è qualificato per i sedicesimi di finale di Europa League. 

La Roma, priva dell’infortunato Smalling, ha lasciato a desiderare in difesa ma è comunque riuscita a passare il turno con le reti di Perotti, su rigore guadagnato da Dzeko, e di Dzeko, su assist dello stesso Perotti. Rientro sfortunato per il capitano Florenzi che ha segnato il suo primo autogol con la maglia della Roma. Grazie a questo pareggio, la Roma si è qualificata ai sedicesimi di finale da seconda classificata. Il girone è stato vinto dall’Istanbul. 

Europa League, Roma-Wolfsberg 2-2, gol: Diego Perotti su rigore al 7′, autogol di Florenzi al 10′, Edin Dzeko al 18′  e Weissman al 64′.
La classifica finale: Istanbul 10 (qualificato ai sedicesimi), Roma 9 (qualificata ai sedicesimi), Borussia 8 (eliminato), Wolfsberg 5 (eliminato).

Roma a caccia della qualificazione contro il Wolfsberg con Mirante; Florenzi, Fazio, Mancini, Spinazzola; Diawara, Veretout; Ünder, Mkhitaryan, Perotti e Dzeko. Gli austriaci rispondono con Kofler; Novak, Solbauer, Rnic, Schmitz; Schmid, Leitgeb, Ritzmaier; Liendl; Weissman e Niangbo.

Al 4′, è stato assegnato un rigore alla Roma per un fallo di Kofler ai danni di Dzeko. Il bosniaco è stato messo in porta da un tocco geniale di Mkhitaryan. Perotti ha spiazzato il portiere e  ha portato in vantaggio la Roma al 7′. Pareggio degli austriaci al 10′, cross dalla sinistra di Niangbo con autogol clamoroso di Florenzi. Pessimo ritorno in campo per il capitano della Roma. 

Roma nuovamente in vantaggio al 18′. Diawara ha messo in porta Perotti, l’argentino ha passato la palla a Dzeko che ha segnato a porta vuota senza alcun problema. Al 48′, Weissman, dimenticato dalla difesa della Roma, ha colpito il palo con un colpo di testa da due passi. Al 60′, Mirante è uscito dal campo per infortunio. Al suo posto è entrato Pau Lopez.  Pareggio di Weissman al 64′, il calciatore austriaco anticipa Fazio e segna di testa. E’ finita, la Roma ha pareggiato e ha passato il turno. 

Europa League, Rennes-Lazio 2-0, gol: Gnagnon (doppietta).
La classifica finale:
Celtic 13 (qualificato ai sedicesimi), Cluj 12 (qualificato ai sedicesimi), Lazio 6 (eliminata) e Rennes 4 (eliminato).

Il Rennes ha sfidato la Lazio con Salin; Boey, Nyamsi, Gnagnon, Doumbia; Da Cunha, Grenier, Lea Siliki, Tait; Gboho e Siebatcheu. I biancocelesti sono scesi in campo in Francia con Proto; Bastos, Vavro, Acerbi; Lazzari, Parolo, Cataldi, Luis Alberto, Jony; Immobile e Caicedo.

Per passare il turno,la Lazio avrebbe dovuto vincere a Rennes sperando nel successo del Celtic sul Cluj. Nel primo tempo, la Lazio è stata dominata in lungo ed in largo dai francesi. Gnagnon ha portato in vantaggio i padroni di casa, poi Da Cunha si è divorato il raddoppio. Nel frattempo, Proto ha compiuto una grande parata su un tiro a botta sicura di Lea Siliki. 

Nel secondo tempo, la Lazio è venuta a conoscenza del doppio vantaggio del Cluj sul Celtic e ha praticamente smesso di crederci. Nel finale di partita, Gnagnon ha segnato da due passi dopo una respinta difettosa di Proto. La Lazio ha perso a Rennes ed è stata eliminata dalla fase a gironi di Europa League fallendo la qualificazione ai sedicesimi di finale.