Europei Nuoto: Paltrinieri e Pellegrini, medaglie e record

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2015 19:08 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2015 19:08
Europei Nuoto: Paltrinieri e Pellegrini, medaglie e record

Europei Nuoto: Paltrinieri, oro e record (foto Lapresse)

NETANYA – Due ori e un argento: l’Italia fa incetta di medaglie agli Europei di Nuoto il 4 novembre 2015. I protagonisti sono Gregorio Paltrinieri (oro e record mondiale nei 1500 stile libero) e Federica Pellegrini, che ha condotto al successo la staffetta 4×50 stile libero e ha stabilito invece il nuovo record italiano nei 100, sempre stile libero.

Paltrinieri oro e record.

Strepitoso Gregorio Paltrinieri che agli Europei di nuoto in vasca corta di Netanya (Israele) vince l’oro nei 1500 sl stabilendo il nuovo record mondiale sulla distanza in 14’08″06. Argento per l’altro azzurro Luca Detti (14’18″00). Il precedente primato risaliva al 7 agosto 2001 ed era stato stabilito dall’australiano Grant Hackett con 14’10″10 in occasione dei campionati nazionali di Perth.

Staffetta 4×50 donne d’oro.

L’Italdonne guidata da Federica Pellegrini ha vinto la medaglia d’aro nella staffetta 4×50 stile libero agli Europei in vasca corta a Netanya (Israele). Le azzurre hanno fatto segnare il tempo di 1’36”05 (Di Pietro 24″03 record italiano, Ferraioli 23″59, Pezzato 24″14, Pellegrini 24″29).

Alessia Polieri bronzo, Pellegrini record.

Ancora una medaglia per l’Italia del nuoto agli europei in vasca corta in corso a Netanya. La settima è il bronzo di Alessia Polieri, che nei 200 farfalla torna sul podio continentale e stabilisce il record italiano con 2’04″37, cancellando il precedente di Francesca Segat che durava da sette anni: 2’04″92. Nei 100 stile quinto posto ma con record italiano per Federica Pellegrini che con 52”56 strappa per due centesimi il primato a Erika Ferraioli che le arriva in scia, sesta con 52″71. “Sono contenta del record – racconta l’olimpionica -. Il tempo mi dà buone indicazioni in vista dei 200 stile libero. La velocità è il prodotto del lavoro sulla tecnica e la preparazione atletica, quindi le sensazioni sono positive”.