F1, “Giù le mani dal Gp di Monza”. Regione Lombardia lancia raccolta firme

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 giugno 2015 16:27 | Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2015 16:27
F1, "Giù le mani dal Gp di Monza". Regione Lombardia lancia raccolta firme

La Ferrari

MONZA – “Il contratto scade nel 2016 e c’e’ il tentativo da parte di Bernie Ecclestone di toglierlo dal calendario per inserire altri Paesi ma questo e’ inaccettabile perché il gran premio di Monza è un patrimonio anche di cultura oltre che di storia, il gran premio di Monza è la nostra storia ed è la storia dei motori, perché il gran premio di Monza c’è da quando c’è la Formula 1. Per questo la Regione Lombardia ha deciso di scendere in pista per salvare questo gran premio, coinvolgendo i cittadini e raccogliendo le loro firme, per fare pressione cosi’ sul Governo, sul Mondiale di Formula1 e chiamando a raccolta tutti coloro che vogliono salvare questo nostro patrimonio che rappresentano un’eccellenza della nostra Lombardia e del nostro Paese”.

Lo ha spiegato il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, intervenendo, insieme all’assessore regionale con delega all’Expo, Fabrizio Sala, a Pianeta Lombardia, padiglione di Regione Lombardia a Expo, una conferenza stampa per presentare l’iniziativa “Scendi in pista con la Lombardia. Firma anche tu per il Gp di Monza”.

All’evento ha partecipato Andrea Dell’Orto, presidente della Sias (Societa’ incremento automobilismo e sport) ed è stata esposta la Ferrari Formula 1 F.10.

5 x 1000

“Per questo – ha aggiunto Maroni – chiediamo a tutti i cittadini, non solo agli appassionati, di dare un loro contributo mettendo la loro firma per salvaguardare una cosa bella come questa, che non vogliamo perdere”.

“Lunedì incontrerò Marchionne, in occasione della riapertura del museo dell’Alfa Romeo ad Arese e gli chiederò di scendere in campo al nostro fianco in questa battaglia per difendere il gran premio di Monza. Perché se la Ferrari dicesse che senza il gp di Monza non parteciperebbe più al Mondiale di Formula 1 allora il gran premio sarebbe salvo, perché non può prevalere sempre l’interesse economico rispetto ai valori, alla storia e al fascino di una corsa come il gran premio di Monza. Per cui spero che anche la Ferrari si schieri al nostro fianco e lunedì chiederò a Marchionne di fare questa dichiarazione per sostenerci in questa battaglia” ha aggiunto Maroni.

“Monza rischia di perdere il Gran Premio di Formula 1 – è il testo dell’appello su cui è attiva una raccolta di firme per salvare il Gran Premio d’Italia all’Autodromo Nazionale di Monza -. Non possiamo accettarlo. Dobbiamo reagire. L’Autodromo di Monza è la storia dell’automobilismo sportivo: passato, presente e futuro del Mondiale di Formula 1. Non può esserci Formula 1 senza il Gran Premio di Monza, orgoglio della Lombardia e vanto dell’Italia intera. La Regione Lombardia è pronta a scendere in pista per salvare la gara di Monza e dare continuità a una lunga e gloriosa tradizione, lombarda e italiana, cara agli appassionati di motori di tutto il mondo. Per vincere la sfida, rivolgiamo questo appello a tutti i cittadini, italiani e stranieri, e chiediamo una firma per salvare il Gran Premio d’Italia a Monza, palcoscenico di sfide memorabili della Formula 1. Una vittoria, un podio, una pole a Monza hanno, infatti, un valore speciale, proprio perchè il circuito lombardo è unico e spettacolare. Le firme che raccoglieremo saranno una testimonianza impossibile da ignorare. Firma anche tu!”