F1, Gp Gran Bretagna: pole Hamilton, poi Rosberg, terza fila Ferrari

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 luglio 2015 15:32 | Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2015 16:25
F1, Gp Gran Bretagna: pole Hamilton, poi Rosberg, terza fila Ferrari

LaPresse

ROMA – Prima fila, una volta di più, per la Mercedes al Gp d’Inghilterra di F1. Il campione del mondo Lewis Hamilton partirà in pole davanti al suo compagno di squadra Nico Rosberg. Terzo e quarto tempo e seconda fila per le Williams di Felipe Massa e Valtteri Bottas che precedono le due Ferrari di Raikkonen e Vettel, 5/a e 6/a.

Per Hamilton (1’32″248) è l’ottava pole della stagione, la 46/a in carriera. ha preceduto il compagno di squadra Rosberg (+0:113 millesimi) e le due Williams di Massa (+0:837) e Bottas (+0:901). Terza fila per le Ferrari con Raikkonen (+1:131) che ha fatto meglio di Vettel (+1:299). la top ten è completata da Kvyat (Red Bull, +1:388), Sainz (Toro Rosso, +1:401), Hulkenberg (Force India, +1:425) e Ricciardo (Red Bull, +1:695).

“Le condizioni sono state difficili, continuavano a cambiare, credo che avesse a che vedere con il vento. Però è un po’ deludente la nostra posizione, ma abbiamo fatto il nostro meglio. Speriamo meglio domani”. Kimi Raikkonen non fa i salti di gioia per la terza fila centrata dalla Ferrari nelle qualifiche del gp di Silverstone: il finlandese, che ha chiuso quinto e meglio del compagno di squadra Sebastian Vettel, ha insistito sulla variante del vento, che ha condizionato l’andatura in pista. “Alcuni sono più soddisfatti quando c’è il vento – ha detto Raikkonen ai microfoni di Sky -. Podio? Vedremo domani”.

Sebastian Vettel è deluso. ha chiuso al 6/o posto, preceduto anche dal compagno di squadra Kimi Raikkonen e, soprattutto, anche dalle due Williams. “E’ stata una qualifica più difficile di quanto ci aspettavamo – le parole del tedesco a Sky – ma domani potrebbe essere tutt’altra gara. Speriamo in una domenica entusiasmante. Il passo gara penso che ci sia, è difficile riuscire a passare ma magari riusciremo a trovare qualcosa che possa aiutarci domani, anche se non abbiamo la migliore posizione di partenza”. Foto LaPresse.